Parigi-Nizza: seconda tappa a Groenewegen

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui


L’olandese Dylan Groenewegen (LottoJumbo) ha vinto in volata la seconda tappa della Parigi-Nizza, da Orsonville a Vierzon. Secondo il nostro Elia Viviani (Quick-Step Floors), terzo il tedesco Andrè Greipel (Lotto-Soudal). Il francese Arnaud Demare (Groupama-FDJ), all’arrivo, mantiene la maglia gialla di leader della corsa.

Frazione di 187,5 km completamente pianeggiante, senza Gran premi della Montagna, e quindi assolutamente adatta ai velocisti. La prima parte della tappa è caratterizzata da un vento contrario decisamente fastidioso per i corridori: la media della corsa ne risente e non si registrano tentativi di fuga, che solitamente con percorsi del genere si verificano subito dopo la partenza.
Bisogna aspettare i 94 km all’arrivo per il primo attacco. Sono in 6 a tentare la fuga: il belga Thomas Degendt (Lotto-Soudal), il nostro Manuele Boaro (Bahrain-Merida), il portoghese Tiago Machado (Katusha-Alpecin), il campione nazionale belga Oliver Naesen (AG2R-La Mondiale), il francese Anthony Delaplace (Fortuneo-Samsic) e l’olandese Lars Boom (Lotto-Jumbo). Il gruppo, tuttavia, non lascia spazio ai fuggitivi, concedendogli al massimo 30” di vantaggio.
A 65 km dal traguardo, i 6 vengono ripresi, ma Boaro e Machado non si arrendono e rilanciano l’andatura, provando a riallungare. Il gruppo a quel punto, con 2 soli uomini al comando si rilassa, e permette alla coppia di testa di allungare. I due raggiungono un vantaggio massimo di 3’03” a 44 km dalla conclusione. Da quel momento il gruppo, che fino a quel momento si era limitato a controllare a distanza la fuga, comincia l’inseguimento vero e proprio e riduce rapidamente il proprio ritardo.
Nella parte conclusiva della tappa il vento contrario diminuisce notevolmente, aspetto che permette di registrare una velocità media della corsa ben più alta rispetto a quella dei primi km. Boaro e Machado, pur se ormai braccati dal gruppo, riescono a transitare al comando sul traguardo volante di Saint-Georges-sur-la-Pree, posto a 14 km dall’arrivo. I due oppongono una strenua resistenza al ritorno del gruppo, e devono arrendersi solamente a 4 km dalla conclusione.
Inevitabile a questo punto la conclusione in volata: sul traguardo, grazie a uno sprint fenomenale, è Groenewegen a imporsi nettamente, tanto che nessuno dei rivali riesce anche solo ad affiancarlo.

Leggi anche:  Giro d'Italia 2021, la Sicilia conferma le sue tappe

Domani si correrà la terza tappa della Parigi-Nizza 2018, la più lunga di questa edizione: da Bourges a Chatel-Guyon, 210 km con un percorso molto mosso, con un continuo saliscendi, e 3 GPM di terza categoria, l’ultimo dei quali a 20 km dal traguardo. Diretta su Eurosport 1 alle 15:15differita su Rai Sport + alle 19:00.

CLASSIFICA SECONDA TAPPA – 1. D.Groenewegen (OLA-Lotto Jumbo) in 4h51’31”; 2. E.Viviani (ITA-Quick Step Floors); 3. A.Greipel (GER-Lotto Soudal); 4. P.Bauhaus (GER-Sunweb); 5. A.Demare (FRA-Groupama FDJ); 6. M.Teunissen (OLA-Sunweb); 7. A.Kristoff (NOR-UAE Emirates); 8. J.P.Drucker (LUX-BMC); 9. J.Degenkolb (GER-Trek Segafredo); 10. I.Garcia (Spa-Bahrain Merida).

CLASSIFICA GENERALE PARIGI NIZZA – 1. A.Demare in 7h58’57”; 2. G.Izagirre +7”; 3. C.Laporte +8”; 4. J.Alaphilippe +10”; 5. M.Teunissen +13”; 6. T.Wellens s.t.; 7. T.Gallopin +15”; 8. J.E.Chaves s.t.; 9. J.Izaguirre s.t.; 10. H.Haussler s.t.

  •   
  •  
  •  
  •