Nibali: “Sono umano anche io”. Le dichiarazioni dello “Squalo” dopo la Liegi

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Nibali ieri ha preso parte alla tanto attesa Liegi. Purtroppo, lo Squalo dello Stretto non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo personale, ossia portare a casa la vittoria. Il corridore ha voluto spiegare in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, ciò che gli è successo durante la corsa: “Giornata no. Quando sono arrivato sulla Redoute mi sono accorto che non ero super e ho detto a Gasparotto che per me non c’era niente da fare. Lui stava meglio e gli ho dato il via libero. Credo che in certi momenti serva l’onestà di fare un passo indietro e lasciare agli altri la possibilità di giocarsi la corsa”.
Nibali poi aggiunge, nel ricordo di Michele Scarponi:Mi dispiace, volevo dedicarla al mio amico Scarponi. Ci sono giorni in cui stai meglio, altri in cui stai peggio. Sono umano, eh. Non ci sono tante parole, non cerco scuse. Mi è mancata la brillantezza, il cambio di ritmo”.
Per Nibali comunque è un inizio di stagione molto positivo, che l’ha portato anche alla conquista della Milano-Sanremo. Ricordiamo che ora nei programmi e soprattutto obiettivi stagionali del corridore c’è il Tour de France e i Mondiali di Innsbruck.

  •   
  •  
  •  
  •