Tour de France, Nibali tra sogno e realtà. “Punto al podio”

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Vincenzo Nibali sta ultimando la sua preparazione in vista del Tour de France. La manifestazione ciclistica è in programma dal 7 al 29 luglio e vedrà la partecipazione di tanti campioni sulle due ruote.
Dopo aver preso parte al Giro del Delfinato, con una prestazione un po’ sottotono, lo “Squalo” è ora pronto per affrontare il Tour e non da comparsa, ma da protagonista. Tra gli obiettivi del corridore c’è infatti la conquista del podio, anche se rimane un po’ abbottonato su quale sia il gradino che vuole raggiungere di tale podio. Nibali si trova ora in ritiro nelle Dolomiti. In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Nibali si è così espresso in riferimento al suo allenamento sulle Dolomiti: “È un po’ come se fosse il mio nido. Per chi fa il mio mestiere questo è un terreno d’allenamento eccezionale: tante salite, una diversa dall’altra, dove si possono simulare anche le gare”. Qui il corridore è accompagnato dal suo allenatore Paolo Slongo che ha spiegato il tipo di allenamento che sta svolgendo il messinese: “L’allenamento più lungo, di circa sei ore, prevederà Sella, Gardena, Valparola, Pordoi e San PellegrinoProveremo tutto, i cambi di ritmo in salita, i fuori-giri. Faremo ripetute in cui Vincenzo uscirà dalla scia  tra le 5 e le 10 volte per 20-30″. Anche il Pordoi sarà scalato dietro-motore: poi Enzo farà l’ultimo chilometro a tutta uscendo dalla scia”.
C’è quindi ottimismo all’interno del team Bahrain Merida, che ripone grandi aspettative nel suo capitano. Nibali ha conquistato il suo ultimo Tour de France nell’edizione 2014. Riuscirà Vincenzo a ripetere l’impresa straordinaria di quattro anni fa? Non resta che attendere ancora qualche settimana per scoprirlo.

L’obiettivo di Vincenzo Nibali

L’obiettivo dello Squalo dello Stretto è quello di conquistare il Tour de France. Il corridore, nonostante l’età, è pronto per dare del filo da torcere ai suoi avversari. Tra i favoriti ricordiamo oltre a Chris Froome, neo vincitore del Giro d’Italia, Nairo Quintana, Romain Bardet, Adam Yates, Rigoberto Uran e Mikel Landa.
Tra questi il più temuto è sicuramente il capitano del team Sky, Chris Froome che vuole tentare la doppietta Giro-Tour. “Non sono uno che va a cena con lui, ma tra di noi c’è rispetto. Dopo la Sanremo la sera mi sono fermato a Montecarlo e mentre ero in giro con il mio compagno Agnoli ho incontrato Chris. Mi ha fatto i complimenti per la vittoria”, ha affermato Nibali.
Per quel che riguarda il podio invece ha sottolineato: “Devo cercare di arrivare al massimo per il mio obiettivo, cioè il podio. Su quale gradino però non lo dico, perché bisogna essere realistici e tenere i piedi per terra”.
Non resta quindi che attendere la partenza del 7 luglio per godersi lo spettacolo delle tre settimane di corsa del Tour de France. Ricordiamo che lo Squalo dello Stretto prenderà parte anche all’importantissimo appuntamento del Mondiale di Innsbruck, in programma nel mese di settembre dopo la partecipazione alla Vuelta di Spagna. La corsa spagnola servirà infatti ai corridori per affinare la condizione fisica in vista proprio del Mondiale.

  •   
  •  
  •  
  •