Tour de France, Froome: “Voglio eguagliare Pantani”. Trentamila agenti per proteggerlo

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui
PAU, FRANCE - JULY 13: Christopher Froome of Great Britain riding for Team Sky in action during stage 12 of the Le Tour de France 2017, a 214.5km stage from Pau to Peyragudes on July 13, 2017 in Pau, France. (Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Poco più di un mese fa ha corso e vinto il giro d’Italia per la prima volta in carriera, facendo la differenza nelle tappe più ostiche, quando tutto sembrava perduto. Il corridore inglese Chris Froome, avuto l’ok dall’UCI (unione ciclistica internazionale)  e dalla Wada (agenzia mondiale antidoping) che lo ha assolto dalla positività al Salbutamolo riscontrata nella Vuelta di Spagna 2017, vuole conquistare il Tour de France per la quinta volta in carriera, eguagliando il record di Marco Pantani, autore nel 1998, dell’ultima doppietta corsa rosa – Grand Boucle nello stesso anno, ecco le parole del campione britannico.

:”Non ho mai fatto giro e Tour nello stesso anno, vincere la Grand Boucle per la quinta volta nella mia carriera, sarebbe fantastico e fare doppietta eguagliando un campione indimenticabile come Marco Pantani, rappresenterebbe per me qualcosa di unico. Voglio arricchire la mia bacheca personale con un altro trofeo, dopo quattro Tour e una Vuelta. Nessuno dopo Marco è riuscito a fare doppietta,  Giro D’Italia – Tour De France spero di essere il prossimo… coronerei il sogno della mia carriera.” Ho fatto due grandi corse a tappe nello stesso anno, dove ho imparato tantissimo, ora voglio ripetere questa esperienza in senso inverso”.

Intanto sarà una corsa blindata, perchè ci saranno ben 30.000 agenti di pubblica sicurezza a proteggere i corridori specie il favorito, durante le ventuno tappe in programma. L’organizzazione teme aggressioni fisiche. Sulle strade sono attesi fra i 10  e i 12 milioni di  spettatori; L’opinione pubblica e gli addetti ai lavori, si sono “spaccati” sulla vicenda doping di Froome, perchè c’è chi sostiene che sarebbe stato giusto squalificarlo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore