Vuelta 2018: diretta live streaming su Eurosport Player

Pubblicato il autore: Enrico Salvi Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ci siamo. Questo pomeriggio, la crono individuale con partenza e arrivo nel centro di Malaga darà ufficialmente il via alla Vuelta 20183254,7 km di cui 40 a cronometro, 46 GPM e 8 arrivi in salita: queste saranno le difficoltà principali per chi vorrà presentarsi in maglia roja a Madrid il 16 settembre.

La corsa a tappe spagnola, giunta alla sua 73° edizione, si presenta davvero ricca di interesse. Oltre alla durezza del percorso – come spesso accade è il più impegnativo dei tre grandi giri – ci sono tanti corridori di spessore ai nastri di partenza, sia per riscattare una stagione finora al di sotto delle aspettative, sia per preparare al meglio il Mondiale di Innsbruck, il programma a fine settembre.

In queste due categorie rientrano i corridori italiani sui quali sono puntati i riflettori, Fabio Aru e Vincenzo Nibali.
Il corridore sardo
, ultimo vincitore azzurro in terra iberica, nel 2015, deve dare un senso alla sua stagione. Dopo la disfatta del Giro, con il ritiro nella terzultima tappa causato da intossicazioni alimentari venute fuori durante la Corsa Rosa, ha bisogno di rifarsi. Nelle conferenze stampa della vigilia non ha fatto proclami bellicosi per la classifica generale, affermando di vivere questa Vuelta giorno per giorno, però è innegabile che andrà alla ricerca di una continuità di rendimento nelle tre settimane che ha smarrito nelle ultime occasioni.
Nibali invece, correrà nella speranza di sciogliere tutti i dubbi sulla sua condizione fisica, minata dalla caduta sull’Alpe d’Huez durante il Tour de France. Il secondo classificato dell’edizione scorsa, a 25 giorni dall’operazione alla vertebra fratturata, difficilmente andrà a caccia del successo finale – al punto che ha affermato che Ion Izaguirre sarà il capitano della Bahrain-Merida – e testerà il proprio fisico in preparazione della corsa iridata di Innsbruck del 30 settembre. Di certo, col dorsale n°1 sulla schiena, il siciliano proverà a dare battaglia.

Detto questo i favoriti principali, almeno sulla carta, sono altri. Manca sì il campione in carica (Chris Froome) ma di big ce ne sono eccome: dai fratelli Yates a Uran, dai Movistar Valverde e Quintana a Zakarin, Lopez, Pinot, Kruijswijk e Porte. Per la vittoria in singole frazioni, saranno protagonisti tra i tanti il tre volte iridato in carica Peter Sagan, Nacer Bouhanni, Rohan Dennis, Michael Kwiakowski (che potrebbe anche fare il capitano per il Team Sky) e Tony Gallopin.

Tra i 20 italiani al via ci sono diversi corridori competitivi per conquistare delle tappe: nelle volate abbiamo Giacomo Nizzolo, Elia Viviani e Matteo Trentin, fresco campione europeo e vincitore di quattro tappe l’anno scorso; invece nelle tappe mosse e in salita, che nella Vuelta sono sempre numerose, possiamo contare su attaccanti come Valerio Conti, Alessandro De Marchi, Gianluca Brambilla, Dario Cataldo e Davide Formolo.

Vuelta 2018: come seguire la diretta live streaming su Eurosport Player

Purtroppo lo spettacolo della Vuelta 2018, sarà in diretta tv ed in esclusiva su Eurosport, canale satellitare presente anche sulle piattaforme Sky e Mediaset Premium. Dunque la copertura completa in diretta streaming sarà solo a pagamento, sull’applicazione Eurosport Player. Come da qualche anno a questa parte, la Rai non ne ha acquistato i diritti, nonostante negli ultimi anni la Vuelta sia stata terra di conquista per i colori italiani. Di conseguenza la piattaforma Rai Play non coprirà l’evento.

Se non si ha l’abbonamento al satellite o al digitale terrestre che faccia vedere Eurosport, è possibile sottoscrivere un abbonamento apposito con Eurosport Player, altrimenti la Vuelta è visibile sulle piattaforme streaming di Sky e Mediaset Premium, ossia SkyGo e Mediaset Premium.

Appuntamento quindi alle ore 17.26 di questo pomeriggio, per il via ufficiale da Malaga della 73° edizione della Vuelta a España.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: