Fabio Aru: “Spero che il nostro sport riesca a ripartire. L’obiettivo è quello di tornare a competere con i più forti”

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Il ciclista azzurro Fabio Aru, nel primo pomeriggio è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, parlando della sua condizione fisica, degli allenamenti svolti in Svizzera insieme al suo collega Vincenzo Nibali e sugli obiettivi di questo 2020 che vedrà l’esordio solamente nel mese di agosto per l’emergenza Coronavirus. Di seguito le sue dichiarazioni.

Fabio Aru, l’intervista

CONDIZIONE FISICA: “Ho superato tanti problemi, sono riuscito a pareggiare la spinta della gamba sinistra dopo l’intervento e a febbraio mi sentivo un altro. L’anno scorso sono rientrato troppo presto e questo devo dire che non mi ha giovato; a posteriori dire che avrei avuto bisogno di un po’ di tempo. Sono contento di stare bene, non ci voleva questa stop forzato ma dobbiamo avere pazienza perché lottiamo con un problema più grande di noi. Ho fatto il Colombia per prendere confidenza senza cercare il risultato, ero uscito molto bene da quella gara ed ero motivato: tornato a casa ho fatto degli allenamenti specifici ed ero in condizione, poi è arrivato il blocco. Ora mi metto obiettivi settimanali per poter passare questo periodo”.

ALLENAMENTI CON NIBALI: “Ho riscoperto nell’ultimo mese l’allenarmi con Vincenzo cosa che negli ultimi anni non facevamo per varie vicissitudini, ora facciamo gruppo con Bettiol e Ulissi; per me è un grande stimolo stare con Nibali, come io ogni tanto lo sono per lui, talvolta simuliamo qualche garetta in salita. Ci vuole sempre un po’ di competizione; ieri abbiamo fatto il Carona vicino a Lugano, iniziata piano e poi fatta a ritmo gara, alla fine ha vinto lui”.

OBIETTIVI 2020: “Spero che il nostro sport riesca a ripartire, il tempo a disposizione è poco: ci saranno tre mesi per farlo, saremmo un po’ tutti sullo stesso livello. Saranno tre mesi molto intensi, le squadre daranno spazio a tutti per gareggiare. Obiettivi? Non ne abbiamo ancora parlato con la squadra, sappiamo il calendario World Tour e aspettiamo quello delle altre gare: avevo il Tour come obiettivo iniziale, la squadra darà sicuramente la possibilità di far gareggiare a tutti dividendo i gruppi. Sarà difficile fare Giro e Tour insieme, più probabile Tour e Vuelta. L’obiettivo è quello di tornare a competere con i più forti, battagliare per una vittoria e dare emozioni ai tifosi che mi seguono: questo è quello che vorrei tornare a fare già da agosto”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Campionati Italiani 2021: percorso, favoriti, streaming e diretta tv Rai Sport?