Giro d’Italia 2020: Simon Yates positivo al Covid, si ritira

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

Il Giro d’Italia perde uno dei protagonisti più attesi. Simon Yates è risultato positivo al Covid 19 e non prenderà il  via all’ottava tappa del Giro d’Italia, lo scalatore britannico dovrà abbandonare la corsa rosa
Il comunicato della Michelton Scott:

Il campione della Tirreno-Adriatico Simon Yates non prenderà il via oggi l’ottava tappa del Giro d’Italia a seguito di un risultato positivo COVID-19.

Yates ha sviluppato sintomi molto lievi nelle ore successive alla settima fase di ieri. Il team medico Mitchelton-SCOTT ha subito richiesto un test rapido che indicava un risultato positivo. Successivamente è stato eseguito un secondo test, RT-PCR, che ha confermato il risultato positivo.
Il 28enne è stato isolato nella sua stanza singola durante il processo e viene trasportato in sicurezza da un’ambulanza organizzata per un periodo di quarantena dove il team può offrire le migliori cure possibili. I suoi sintomi rimangono molto lievi.
Con la salute del personale e dei ciclisti la massima priorità, anche i restanti corridori e il personale Mitchelton-SCOTT sono stati sottoposti a un test rapido, ognuno dei quali ha restituito un risultato negativo. Hanno ricevuto l’autorizzazione dalla RCS per continuare a correre e, per precauzione, saranno sottoposti a ulteriori test nei prossimi giorni.
Dr. Matteo Beltemacchi – Team Doctor:
“Simon ha mostrato una temperatura molto mite venerdì sera durante i nostri controlli di temperatura di routine, che sono stati effettuati tre volte al giorno durante il Giro d’Italia.
“Seguendo la policy RACESAFE COVID-19 del team, è stato isolato nella sua stanza e abbiamo subito richiesto un test rapido utilizzando i servizi offerti da RCS, che è risultato positivo.
“La salute di Simon rimane la nostra principale preoccupazione e, per fortuna, i suoi sintomi rimangono molto lievi e per il resto è in buona salute. Vogliamo ringraziare la RCS per il supporto nell’organizzazione dei test rapidi e del suo trasporto.
“Tutti gli altri piloti e lo staff hanno restituito risultati negativi e sono stati autorizzati a continuare la gara, ma come misura precauzionale monitoreremo da vicino la situazione e ci sottoporremo a ulteriori test nei prossimi giorni”.
  •   
  •  
  •  
  •