Fabio Aru scioglie i dubbi: “Resto nel ciclismo”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini

Fabio Aru
Dopo aver annunciato il ritiro in occasione della Vuelta a España 2021, il noto ciclista Fabio Aru nel 2022 si appresa a vivere una vita al di fuori del ciclismo professionistico dopo 10 anni di carriera incredibile. Ora il corridore è a casa con il Covid: “Attualmente sono a casa, in quarantena, perché sono ancora positivo al Covid. L’ho preso da una decina di giorni, comunque adesso sto meglio. Ho avuto un bel da fare fino a subito prima di Natale, mentre da lì in poi sono stato più tranquillo. Logicamente la ricostruzione di un nuovo lavoro mi ha impegnato parecchio in questo periodo. Quando sei un’atleta professionista sei via per decine di giorni di fila, mentre adesso non mi capita più“, racconta il sardo a Sport2day.

Leggi anche:  Infortunio Girmay, nuovi esami per il corridore che racconta il suo status di salute

Fabio Aru: “In tutte le squadre pro e contro

Nel corso dell’intervista ha spiegato di non sentire nostalgia per le corse: “Nostalgia delle corse? No, sono felice. Logicamente è stata una scelta importante, come ho sempre detto. Questo non significava abbandonare definitivamente la mia passione e quello che è stato il mio lavoro per tanti anni, infatti continuo ad andare in bici e a praticare questo sport. Sarò ancora nel settore ciclismo, anche se non direttamente in una squadra. Comunque non mi manca il fatto di essere un ciclista professionista. Ora ho la possibilità di divertirmi in bici e di fare anche altro“.

In tutte e tre le mie squadre da professionista ci sono stati dei pro e contro, però nell’ultima ho notato tanta unione tra i corridori e lo staff in generale. Forse l’anno scorso anche la Qhubeka veniva da una situazione difficile, però fin dal primo training camp ho notato questa cosa. Il momento più bello della mia carriera? Sicuramente il Campionato Italiano che ho vinto mi ha lasciato delle belle emozioni, anche perché erano stati dei mesi un po’ complicati e fu una bella liberazione“, dichiara il Cavaliere dei Quattro Mori.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: