Carlo Ametrano in esclusiva a Supernews: “Vi racconto il mio Ayrton Senna”

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

“ Mi chiamo Ayrton e faccio il pilota ” così cantava Lucio Dalla nella sua celebre canzone “Ayrton “. Supernews ha voluto omaggiare il campione brasiliano, intervistando  il giornalista di Positanonews  e scrittore Carlo Ametrano autore del libro “ Ayrton… per sempre nel cuore“ (edito dalla casa editrice Petagna” di Sorrento), libro che ha avuto un ottimo successo sia in Italia che nel resto del mondo. Il giornalista campano è intervenuto anche per discutere i temi del presente e del futuro della F1

 

Come nasce questa passione per Ayrton Senna e per il motorsport?
La passione nasce quando avevo 8 anni al GP di Monaco del 1984,Senna sotto il diluvio fece un capolavoro è solo perché misero la bandiera rossa non superó Prost, da lì è partita la  scintilla. Per il Motorsports ho  sempre avuto la passione, infatti giro il mondo è da giornalista scrittore sono fiero del mio lavoro ovunque vado mi apprezzano tutti per la mia semplicità oltretutto ci metto il cuore

 In una recente intervista, Gerard Berger ha dichiarato che Senna avrebbe monopolizzato gli anni Novanta senza il maledetto incidente di Imola del 1994. É d’accordo con l’affermazione del pilota austriaco?
Si, avrebbe vinto altri 2 mondiali senza l’ incidente di Imola avrebbe chiuso la carriera con 5 mondiali e un numero di vittorie più alte ma il destino non ha voluto cosi

Leggi anche:  Fabiano Santacroce a SuperNews: "Napoli-Milan 1 a 3? Errori evitabili in difesa, ma ottimo lavoro di Gattuso. Crespo l'attaccante più difficile da marcare"

Ci può raccontare di cosa tratta il suo libro “ Ayrton sempre nel cuore e perché lo consiglierebbe?
Il libro è stato un successo mondiale è arrivato da per tutto il mondo oltretutto nelle mani di Bruno Senna e famiglia, per me questo è stato un onore l’ho scritto col cuore e le persone mi hanno apprezzato per questo anche nel motor sport. Ti cito solo alcuni ma la lista è lunga dal compianto Mario Poltronieri da Palazzoli, Angelo Orsi, Ercole Colombo Alex caffi, Tarquini. C’è ne sono tanti, vorrei ricordare anche la famiglia Simoncelli il cantante Paolo Vallesi il mitico Idris, la lista è lunga.

Qual è il ricordo che ha di Ayrton Senna?

Quando lo vidi la prima volta mi tremavano gambe è stata un emozione indescrivibile oltretutto io per Ayrton giro il mondo per  portare il suo nome. Ogni anno faccio il “Senna day“, quest’ anno è stato fantastico sono stato l’ unico in Italia ad  averlo ricordato con la cena di Imola e grazie ad Augusto zuffa patron dell’ agriturismo che ci ha ospitato ed è stato un trionfo”

Leggi anche:  Fabiano Santacroce a SuperNews: "Napoli-Milan 1 a 3? Errori evitabili in difesa, ma ottimo lavoro di Gattuso. Crespo l'attaccante più difficile da marcare"

Chi vede tra le nuove generazioni e tra i piloti della F1 attuale come erede di Senna?
Ovviamente Hamilton è il più forte di tutti. Parlano i numeri ma dopo Senna viene Lewis

 Senna subito la gara del Pacifico del 1994 aveva dichiarato la sua ammirazione per la Ferrari. Secondo lei come sarebbe stato il binomio Senna – Ferrari?
Senna aveva firmato un precontratto con Ferrari ma Prost si oppose ma penso che in quel periodo che la Ferrari non andava bene con Ayrton i scenari potevano cambiare ma il destino non ha voluto

Passiamo alla F1 attuale : Oggi è ancora possibile vivere rivalità così forti?
Sono ben poche, Hamilton è superiore a tutti

La F1 di trent’anni fa agli occhi dei tifosi appare come la “vera F1”. Quanto di vero c’è in questo? Non si rischia di richiamare i tempi che furono per pura e semplice nostalgia?

La F1 di 30 anni fa era migliore. Li vinceva il pilota poi era più umana e c’erano tanti piloti di carisma

 

Hamilton è un fenomeno non solo al volante ma anche fuori dai circuiti. È un personaggio che fa tendenza ma resta un grandissimo atleta. Che ruolo gli assegna al campione della Mercedes nella storia della F1 e del motorsport?
Hamilton è epico, lui comanda adesso ed è giusto così poi fuori dalla pista é un personaggio e secondo me dopo che concluderà la sua carriera può anche fare l’attore

Leggi anche:  Fabiano Santacroce a SuperNews: "Napoli-Milan 1 a 3? Errori evitabili in difesa, ma ottimo lavoro di Gattuso. Crespo l'attaccante più difficile da marcare"

Verstappen, Leclerc, Norris, Gasly e Russell : chi secondo lei diventerà un giorno campione del mondo?
Verstappen sicuro lo vincerà, basta che andrà in una macchina competitiva come la Mercedes, Comunque gli altri piloti sono molto bravi

L’impressione è che in Ferrari stiano già pensando alla rivoluzione del 2022, secondo lei è così?

La Ferrari è messa male. Soffrirà anche il 2021, per il 2022 non lo sappiamo perché cambieranno i regolamenti

Chiudiamo dando un aggettivo ai piloti del presente e del passato

Senna – Mito

Lauda – Coraggioso

Prost – Attendista

Gilles Villeneuve – Spericolato

Jacques Villeneuve – Tecnico

Michael Schumacher – Duro

Lewis Hamilton – Fenomeno

Raikkonen –  Furbo

Leclerc – Tenace

Vettel – Freddo

Jody Scheckter tecnico

Verstappen tecnico

Mansell leone aggressivo

  •   
  •  
  •  
  •