Daniele Mazzone a SuperNews: “Il segreto di questa Italia? Con De Giorgi azzurri tutti sullo stesso piano. Sogno i playoff con Siena”

Pubblicato il autore: Francesca.Capone.

SuperNews ha intervistato Daniele Mazzone. Il centrale dell’Emma Villas Aubay Siena, che in passato ha giocato nella Nazionale Italiana di volley, ci ha raccontato in esclusiva le sue sensazioni dopo la straordinaria vittoria del Mondiale dell’Italia di Fefè De Giorgi, mettendo in luce i principali fattori che rendono questo gruppo così forte e amato. Mazzone ci ha poi parlato della nuova avventura con Siena e dell’avvincente campionato di Superlega che inizierà il prossimo 2 ottobre.

Daniele, partiamo dalla notizia più rilevante di questi ultimi due giorni: in un palazzetto gremito di tifosi biancorossi, il fantastico gruppo di Fefè De Giorgi ha vinto il Mondiale battendo la Polonia per 3 a 1. Gli azzurri hanno portato a casa un titolo che mancava da 24 anni. Ti aspettavi un traguardo simile?
Questa è la notizia dell’anno, se non del decennio, perché l’Italia ha fatto qualcosa di strepitoso. Ho ascoltato l’intervista a Balaso post finale. Nessuno si aspettava un risultato del genere, anche perché in alcune amichevoli, come quella contro gli Stati Uniti, sembrava che ancora mancasse qualcosa per raggiungere il livello degli avversari. E invece poi, sul campo, gli azzurri hanno dimostrato di giocare davvero di squadra. Contro la Polonia l’Italia ha avuto un livello di difesa e copertura impressionante: Balaso ha difeso da libero più forte del mondo. Ma non solo lui: anche i centrali, tutti, Anzani, Michieletto e Lavia, che ha fatto un partitone. Giannelli, poi, ha gestito tutti gli attaccanti, ha provato ad alzare palloni quando erano meno marcati, ha fatto finte per servire l’opposto, ha giocato anche lui una partita incredibile insieme agli altri. In tutto, ma soprattutto nella fase difensiva, si vede molto la mano di De Giorgi. Io ho avuto Ferdinando solo per due mesi, lo scorso anno. Fefè, oltre ad essere una bellissima persona, in palestra non fa differenze: puoi chiamarti Giannelli, Michieletto, Scanferla o in qualsiasi altro modo, ma se non ti tuffi, fai il carrello di palloni. Questa è una cosa che non si vede spesso, perché quasi sempre ci sono “figli e figliastri”. De Giorgi, invece, è molto equo con tutti.

Leggi anche:  Fabio Balaso a Supernews: "Cosa non può mancare a un libero? Buttarsi su ogni palla, da bambino non mi fermavo mai"

Questo gruppo è spigliato, talentuoso e giovanissimo, ma soprattutto ama divertirsi in campo. Anche per te sono questi i punti di forza dell’Italia? O credi ce ne siano altri, come un coach pacato e preparato come De Giorgi? Cosa rende quest’Italia così talentuosa e amata?
E’ “la bella gioventù”: tutti vorrebbero vivere una seconda giovinezza. Vedere dei giovani divertirsi piace. Se questi giovani oltre a divertirsi vincono anche, allora piacciono ancora di più. Una squadra giovane che perde non so quanto verrebbe amata. Per quanto riguarda gli ingredienti magici, tutti in campo ci divertiamo a giocare e competere. Secondo me, quindi, non si tratta di divertimento, quanto dell’assenza di gerarchie e di equità tra tutti i giocatori, quella che ha garantito De Giorgi. Questo fa vivere la squadra in un’armonia migliore.

C’è un azzurro che ti ha particolarmente impressionato per le sue prestazioni?
Lavia ha fatto semifinale e finale da miglior schiacciatore del mondo. Anni fa, quando lo vedevo entrare ogni tanto a Ravenna, dicevo sempre: “ok, questo diventerà uno bravo”. Direi che non mi sono sbagliato. Uno degli azzurri che mi ha stupito tanto è Romanò, che ha messo in piedi una quantità e una varietà di colpi incredibile. Yuri è mancino, ed è complicato murare
i mancini, te lo dico da centrale, ma se lo scorso anno tirava solo in diagonale, quest’anno ha imparato che esiste anche l’altra parte del campo, e adesso riesce a tirare la linea con precisione e con costanza. E’ davvero un ottimo giocatore.

Leggi anche:  Fabio Balaso a Supernews: "Cosa non può mancare a un libero? Buttarsi su ogni palla, da bambino non mi fermavo mai"

A proposito di Nazionale, quanto ti manca indossare la maglia azzurra? E’ un obiettivo provare a riconquistarti un posto in Nazionale?
Questa è stata la mia prima estate libera dopo 10 anni. Ho riscoperto la libertà di vivere le persone a me care e le mie amicizie. Non ricordo da quanto tempo non facevo una vacanza. Quando riscopri una libertà del genere te la godi a pieno e diventa difficile poi rinunciare ad essa. Quindi, io al momento sono a Siena e vedo questa Nazionale vincere tranquillamente senza di me (ride). Poi, mai dire mai nella vita, ma adesso il mio obiettivo è giocare la stagione di Superlega con Siena e costruire qualcosa in questo club.

Sei adesso centrale del Siena. Il direttore generale Mechini ti ha definito “una garanzia nel tuo ruolo”. Cosa ti aspetti da questa scelta e da te stesso?
Queste parole fanno tanto piacere, quest’anno dovrò dimostrare il mio valore. E’ stata una scelta coraggiosa la mia, perché potevo rimanere a Modena, dove avevo ancora un anno di contratto, ma ho scelto di approdare qui per un motivo diverso. Tre anni fa Siena ha cercato di fare la Serie A1, ha costruito una squadra dai singoli molto forti, ma poi è arrivata penultima ed è retrocessa. Una sfortuna incredibile, perché c’era un presidente che voleva investire seriamente nella pallavolo, e nel primo anno d’esordio Siena è uscita in questo modo. E’ dispiaciuto molto a tutti, perché sembrava una società che potesse rimanere in Serie A per tanto tempo. Quest’anno voglio provare a fare quello che non sono riusciti a fare anni fa: creare una squadra che riesca per prima cosa a salvarsi, e costruire una realtà che possa ambire ai playoff e a resistere nel tempo. Il direttore sportivo mi ha detto che l’obiettivo primario è salvarsi, ma potremmo aspirare anche a qualcosa in più della salvezza per la squadra che è stata allestita e per l’alto livello dei singoli.

Leggi anche:  Fabio Balaso a Supernews: "Cosa non può mancare a un libero? Buttarsi su ogni palla, da bambino non mi fermavo mai"

La prima di campionato sarà in trasferta contro Itas Trentino, proprio contro i tre neo campioni del mondo Michieletto, Lavia e Sbertoli. Partenza complicata?
Partenza complicata sì, perché nelle prime tre gare affronteremo Trentino, Perugia e Milano. Sarà un inizio non facile. Dovremo essere capaci di sopportare le sconfitte e i momenti complicati, e dovremo cercare di non rilassarci troppo negli allenamenti o dopo vittorie inaspettate, ma credo che i giocatori qui con me al Siena abbiano trascorso le mie stesse esperienze, quindi saremo saremo in grado di gestire gli equilibri.

Qual è l’obiettivo personale stagionale che ti sei prefissato?
Raggiungere i playoff. Secondo me, Trento, Perugia e Piacenza arriveranno tra le prime tre. Seguiranno subito sotto Civitanova e Modena, mentre dal sesto posto in giù noi potremmo giocarcela con Monza, Milano e Verona. Se arrivassimo tra le prime otto sarebbe un buon obiettivo. E poi, una volta lì, avremmo solo da guadagnare.

  •   
  •  
  •  
  •