Rally Montecarlo 2018: sull’impero di Sebastien Ogier non tramonta il sole, ma Ott Tanak continua la sua crescita

Pubblicato il autore: Luca Santoro Segui

Rally Montecarlo 2018

Va in archivio il Rally di Montecarlo 2018, ottantaseiesima edizione della prova che apre il mondiale WRC e lo fa con un senso di deja vù.
Sébastien Ogier (M-Sport) si conferma infatti anche quest’anno vincitore della gara che inaugura il mondiale rally, mentre la Toyota, con Ott Tänak in primis, rappresenta uno degli avversari più insidiosi per il cinque volte iridato del WRC. L’estone infatti agguanta il secondo gradino del podio della generale, che divide con il compagno di squadra e terzo classificato Jari-Matti Latvala.

Rally Montecarlo 2018, bilancio finale e classifiche: Toyota seconda forza del campionato, per ora

Non c’è limite quindi per lo strapotere di Ogier con a fianco il fidato navigatore Julien Ingrassia, che ribadisce così il suo feeling privilegiato con la corsa monegasca che vince per la quinta volta consecutiva, superando il record di Tommi Makinen.
La sua Ford M-Sport si rivela una vettura affidabile, da lui gestita con intelligenza ed acume tattico da campione, lungo l’insidioso percorso del Rally di Montecarlo. Percorso che ha visto molta neve, tale da rendere il tracciato non proprio agevole con un fondo piuttosto lento per le vetture, come ha confermato lo stesso Ogier parlando, alla fine della terza giornata, della PS9: “Non è stato piacevole guidare in quella prova“, ha rivelato ai giornalisti, alludendo al fatto di essere stato costretto ad andare piano proprio per le condizioni innevate del percorso, e restando all’oscuro dei tempi che stava realizzando. Nonostante ciò, a riprova del suo status di fuoriclasse, Ogier è riuscito a gestire il proprio vantaggio che è riuscito ad allargare nella PS14 di questa mattina.

La Hyundai si è difesa come ha potuto, continuando sì a recitare il ruolo di corazzata grazie ad un i20 Coupé WRC dal notevole potenziale e con Thierry Neuville che non si lascia impensierire dall’innevamento subito nella notte di giovedì e dalla successiva foratura il giorno dopo. Il belga conquista la PS16 e cinque prove speciali al Rally di Montecarlo davanti alle quattro di Ogier, ma non basta per fare la differenza: la Hyundai al momento si piazza al quarto posto nella classifica provvisoria dei team dietro alla Citroen (che con Kris Meeke conquista la Power Stage e cinque punti extra, davanti proprio ai piloti Hyundai Neuville e Mikkelsen), che non ha mostrato grandi segnali di miglioramento rispetto alla scorsa stagione nonostante gli sprazzi offerti da Meeke e da Craig Breen , e la Toyota Gazoo Racing.

A proposito di quest’ultima, Ott Tänak, come abbiamo detto, ha dato impressione in questo avvio di WRC di aver raggiunto la maturità tale da candidarsi a diretto concorrente di Ogier, se non altro per infastidirlo nella sua possibile sesta scalata al trionfo finale. Il terzo posto nella generale 2017, quando ancora era compagno di squadra del francese, potrebbe non essere stato solo un exploit estemporaneo, ma il prequel di una lotta ad armi pari per il vertice del WRC 2018 grazie anche ad un feeling già sboccato con la sua Yaris. Quattro le vittorie al Rally di Montecarlo 2018, seguito dalle due di Elfyn Evans, cosa quest’ultima che conferma ulteriormente il valore competitivo dei mezzi e dei piloti M-Sport.

Non benissimo per Esepekka Lappi (Toyota), che ha pagato gli errori commessi nell’ultima giornata e deve rinviare il salto di qualità che da lui ci si attende. In ogni caso il tridente della casa giapponese formato da Tänak-Latvala-Lappi, se le cose rimanessero tali a quanto abbiamo visto nel weekend, rappresenta la più dirette minaccia alla passeggiata sul velluto di Ogier. Con la Hyundai che però è meglio non dare già per spacciata.

Questa la classifica piloti dopo il Rally Montecarlo 2018:

1 ?? Ogier-Ingrassia (Ford Fiesta WRC) 26 punti
2 ?? Tanak-Jarveoja (Toyota Yaris WRC) 18
3 ?? Latvala-Anntila (Toyota Yaris WRC) 17
4 ?? Meeke-Nagle (Citroen C3 WRC) 17
5 ?? Neuville-Gilsoul (Hyundai I20 Coupè WRC) 14
6 ?? Evans-Barritt (Ford Fiesta WRC) 8
7 ?? Lappi-Ferm (Toyota Yaris WRC) 6
8 ?? Bouffier-Panseri (Ford Fiesta WRC) 4
9 ?? Breen-Marshall (Citroen C3 WRC) 3
10 ?? Kopecky-Dresler (Skoda Fabia R5) 2

La classifica dei team:

1 M-Sport Ford WRT 33
3 Toyota Gazoo Racing WRT 33
3 Citroën Total Abu Dhabi WRT 18
4 Hyundai Shell Mobis WRT 14

La Skoda conquista invece la classifica WRC2 con il ceco Jan Kopecký, che gode alla fine del Rally di Montecarlo 2018 di un vantaggio notevole di ben tredici minuti e mezzo sul secondo classificato, De Mevius, a bordo della Peugeot 208 R5. Terzo posto per il connubio Eddie Sciessere e Flavio Zanella alla guida della Citroen DS3 R5.
Domina l’Italia nel WRC3 grazie alla vittoria di Enrico Brazzoli e Luca Beltrame. Al secondo posto troviamo Amaury Molle e il podio si chiude con Taisko Lairo.
Prossimo appuntamento con il WRC 2018 in Svezia, dal 15 al 18 febbraio.

  •   
  •  
  •  
  •