F1, McLaren e Force India vogliono indagare sul rapporto Haas-Ferrari

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui
SAO PAULO, BRAZIL - NOVEMBER 12: Sebastian Vettel of Germany driving the (5) Scuderia Ferrari SF70H leads Valtteri Bottas driving the (77) Mercedes AMG Petronas F1 Team Mercedes F1 WO8 into turn two at the start during the Formula One Grand Prix of Brazil at Autodromo Jose Carlos Pace on November 12, 2017 in Sao Paulo, Brazil. (Photo by Dan Istitene/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

La prima gara della stagione ha lasciato perplessità sul grande balzo in avanti effettuato dalla Haas e, due team in particolare, chiedono di investigare sui rapporti tra il team americano e la Ferrari.

Grazie alla Ferrari, grande passo avanti della Haas. La gara d’apertura del mondiale 2018 che si è tenuta la scorsa domenica sul circuito di Albert Park a Melbourne non ha lasciato in disparte le polemiche. Quest’anno la Haas ha registrato un notevole miglioramento sulle prestazioni rispetto allo scorso anno trovandosi a lottare addirittura per la 4 e 5 posizione durante il Gran Premio appena disputato. Tutto ciò è stato reso possibile grazie alla Ferrari: Il team americano, con un telaio fornito dalla Dallara, con il motore Ferrari 2018 e con alcune componenti passate proprio dalla scuderia di Maranello ha fatto un balzo in avanti evidente che le ha permesso di competere anche con i top team durante la prima gara dell’anno. Il progresso effettuato dalla Haas non è passato inosservato all’interno del circus e due scuderie in particolare chiedono spiegazioni sul rapporto che c’è tra la Haas e la Ferrari.

Leggi anche:  Vettel: "Vorrei battere la Ferrari, ma niente di personale..."

McLaren e Force India chiedono di investigare. Le due scuderie in questioni, che sono rimaste stupide da questo miglioramento della Haas, sono la McLaren e la Force India. Il Team indiano è intervenuto, sulla questione Haas-Ferrari, attraverso il suo direttore operativo Otmar Szafnauer ha dichiarato tutta la sua perplessità su questo improvviso balzo in avanti del team americano: ” Semplicemente non comprendo come una scuderia, dopo soli due anni in Formula 1 possa costruire una macchina così competitiva. Avranno una bacchetta magica che vorrei pure io. Tutte le superfici aerodinamiche dovrebbero essere tue, certo è che non possiamo dire che non lo siano, a meno che non si apra un’indagine a riguardo.”

Anche il direttore esecutivo della McLaren Zak Brown è intervenuto a riguardo dichiarando che il rapporto tra Haas e Ferrari può esserci ma entro un certo limite: ” La questione bisogna verificarla da vicino. Sappiamo tutti che la Haas ha un rapporto molto stretto con la Ferrari, dobbiamo solo assicurarci che non lo sia eccessivamente”. Questa prima gara ha alimentato non poche polemiche che ha coinvolto in prima persona la Haas accusata di aver rapporti troppo stretti con la scuderia di Maranello: sarà vero? Vedremo come reagiranno le due scuderie alle accuse smosse da Mclaren e Force India..

  •   
  •  
  •  
  •