Formula Uno, Qualifiche GP Australia: tutte le dichiarazioni dei piloti

Pubblicato il autore: Mara Pesenti Segui

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

 

Formula Uno. Il mondiale 2018 di Formula Uno inizia nel segno del campione in carica Lewis Hamilton che conquista la prima pole stagionale in 1:21.164, nuovo record della pista e più veloce di sei decimi dei suoi inseguitori, le due Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Si tratta della pole numero 73 e della settima pole conquistata sul circuito di Albert Park di Melbourne, altro record assoluto per il campione inglese. Bene le due Ferrari, in seconda e terza posizione, ma anche la Red Bull è vicina con Max Verstappen che affiancherà in seconda fila Sebastian Vettel. Le due Red Bull inoltre partiranno in gara con gomme rosse, a differenza degli altri team che scatteranno con gomme ultrasoft.

Qualifiche GP Australia: le dichiarazioni dei protagonisti

Lewis Hamilton festeggia la sua settima pole position sul circuito australiano e il record della pista, dimostrandosi ancora una volta imbattibile per tutti: “In genere c’è un tempo migliore qui in Australia. Sono felice del mio giro, è stato molto bello. Miro sempre alla perfezione e oggi ci sono andato molto vicino. Le qualifiche sono state straordinarie e questa macchina mi sorprende sempre. L’ultimo giro è stato fantastico.” Poi commenta le prestazioni dei due ferraristi: “Sono stato molto sorpreso dalla velocità delle Ferrari sul rettilineo e anche in curva, questo indica che sono migliorati in potenza, poi abbiamo dovuto sistemare il bilanciamento però l’ultimo giro è stato uno dei migliori del weekend. Sicuramente domani sarà dura con le due rosse, ma sono entusiasta, abbiamo un bellissimo pubblico qui.” 

Scatterà dalla seconda casella della griglia di partenza Kimi Raikkonen con la sua SF71H, precedendo di poco il compagno di squadra: “Credo sia stato un lavoro discreto, il distacco però è ancora piuttosto grande. Dobbiamo essere contenti per la posizione di partenza ma c’è ancora molto da lavorare.” Non sapevo cosa aspettarmi visto che erano le prime qualifiche. Il divario è più grande rispetto a quello che avremmo voluto. Il mio giro è stato abbastanza buono, nel complesso aver potuto fare meglio qua e là.”

Leggi anche:  F1, presentata la nuova Aston Martin: Vettel-Stroll pronti

Positivo Sebastian Vettel in ottica della gara di domani: “Ieri non ero molto contento, oggi è andata un po’ meglio. Eravamo tutti vicini fino all’ultimo giro. Se le Mercedes hanno acceso tanto il motore oggi speriamo che lo spengano domani. Con il passo gara sembriamo tutti molto vicini. Dipenderà da come scatteremo al via, speriamo di poter giocare in due contro uno. Dipenderà anche dal fatto che ci saranno più macchine nella lotta.”

Daniel Ricciardo è apparso arrabbiato per la penalità rimediata ieri. Il pilota infatti scatterà dall’ottava posizione invece che dalla quinta. La Red Bull punta tutto su una strategia differenziata per i propri piloti: “Max ed io siamo gli unici a partire con gomma rossa e speco ci aiuti. Uno stop è meglio di due perché in questa pista è difficile superare on queste macchine. Il gap con Lewis è grande, è stato molto facile per loro negli ultimi 4 anni, ma forse quest’anno la gara sarà differente, spero.”

Più soddisfatto Max Verstappen, molto vicino alla Ferrari di Vettel e non troppo sorpreso dell’ultimo giro di Lewis Hamilton: “Non abbiamo la mappatura di potenza di Mercedes quindi è chiaro che Lewis sia davanti, ma essere così vicino alle Ferrari è positivo e spero che domani sia una gare interessante. Posso essere contento della macchina e oggi abbiamo fatto bene.”

Deludente Valtteri Bottas che in Q3, a causa di un errore in curva 13, ha perso il controllo della propria monoposto andando a muro. La sua sarà sicuramente una gara in salita: “A livello mentale non è sicuramente il miglior modo per dare il via alla stagione. Era molto umido il cordolo e sono stato sorpreso. Le Q1 sono state complicate, le q2 sono andate meglio e speravo di poter migliorare parecchio, speravo di fare la prima o la seconda fila. Vedremo domani cosa succederà in gara.”

 

  •   
  •  
  •  
  •