MotoGP, GP Qatar: Valentino Rossi “Farò del mio meglio. Sono pronto a competere”

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui
NORTHAMPTON, ENGLAND - AUGUST 27: Valentino Rossi of Italy and Movistar Yamaha MotoGP in action during the MotoGP of Great Britain at Silverstone Circuit on August 27, 2017 in Northampton, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

(Photo by Shaun Botterill/Getty Images © scelta da SuperNews)

Il conto alla rovescia è ormai terminato: questa domenica scatterà dal Qatar il mondiale 2018 della MotoGP. Squadre e piloti si ritroveranno ai nastri di partenza della nuova stagione sul circuito di Losail, unico passaggio in Medio Oriente del circus della MotoGP.
Nella classe regina riparte la caccia a Marc Marquez, apparso in gran forma con la sua Honda nei test pre-stagionali e che cercherà di portare a casa il terzo mondiale consecutivo. A sfidare il campione del mondo in carica saranno ancora una volta Andrea Dovizioso – soddisfatto del potenziale della nuova Ducati GP18 – e i piltoti del Team Factory Yamaha, Valentino Rossi e Maverik Vinales. Si attende poi la risposta di Jorge Lorenzo, che ha deluso nel primo anno in Ducati chiuso senza vittorie, contro le sei del compagno di box Andrea Dovizioso. Il tre volte campione del mondo della MotoGP ora al secondo anno con la moto di Borgo Panigale, vorrà a tutti i costi dimostrare di poter lottare per la vittoria e ripagare l’investimento su di lui effettuato dalla casa italiana. Grandi aspettative si concentrano invece su Johann Zarco, autore di una buana stagione all’esordio lo scorso anno, e che con la Yamaha Tech3 ha continuato stupire durante i test invernali per velocità e costanza. Possibili outsider saranno certamente Cal Crutchlow con la Honda LCR, Danilo Petrucci (Ducati Pramac) e il duo Suzuki composto da Andrea Iannone e Alex Rins.

Leggi anche:  Formula 1, Ferrari | Mattia Binotto: "Siamo concentrati sul 2021, tre giorni di test sono un numero limitato".

MOTOGP GP QATAR, IL CIRCUITO DI LOSAIL: Inaugurato nel 2004, il circuito di Losail ha ospitato finora 17 appuntamenti del mondiale. Le prime edizioni del Gran Premio del Qatar vennero disputate in ottobre, mentre a partire dal 2007 rappresenta la gara inaugurale della stagione. E dal 2008, dopo l’istallazione di un adeguato impianto di illuminazione, la gara si svolge in notturna rappresentando l’unica tappa del mondiale ad essere disputata sotto le luci artificiali. E’ Jorge Lorenzo a vantare il maggior numero di successi in Qatar, 6: 1 in 125, 2 nella 250 e 3 in MotoGP (tutti con la Yamaha). Ed è proprio la casa di Iwata ad aver monopolizzato la storia recente del primo gran premio della stagione, avendo conquisto 5 delle ultime 6 edizioni: 3 quelle appena citate di Jorge Lorenzo, e una a testa per Valentino Rossi e Maverik Vinales, vincitore lo scorso anno.

Leggi anche:  Formula 1, Ferrari | Mattia Binotto: "Siamo concentrati sul 2021, tre giorni di test sono un numero limitato".

MOTOGP, GP QATAR: LE PAROLE DI VALENTINO ROSSI. Il campione pesarese, che vanta nella sua bacheca ben nove titoli mondiali, a 39 anni compiuti, continua a cullare il sogno di conquistare il decimo alloro. Il numero 46 ha lavorato bene nei test invernali, dimostrandosi determinato e voglioso di risolvere tutti i problemi che hanno afflitto la sua M1 nella seconda metà dello scorso campionato. Queste le sue parole in vista della gara di esordio: “Finalmente si ricomincia, la prima gara dopo i test è sempre un momento speciale. I test hanno dimostrato che abbiamo punti forti e punti deboli, c’è ancora da lavorare ma tutti in Yamaha spingiamo per fare delle belle gare e vincere”. Il dottore cercherà di sfruttare al meglio i turni di prove libere, per portare avanti lo sviluppo e provare a sistemare quello che nei test non ha funzionato. Dobbiamo ancora fare dei passi in avanti nei turni di libere – ha continuato Rossi -, mi sento bene, il lavoro è stato buono e sono pronto a cominciare la stagione con la mia squadra. Sarà una stagione interessante, sembra che saremo in tanti ad essere veloci, ed io farò del mio meglio.” Passiamo la parola alla pista.

  •   
  •  
  •  
  •