F1, libere Gp Azerbaijan, Vettel: “Circuito difficile”. Raikkonen: “Soddisfatto, decisivi i cambiamenti”

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui
MELBOURNE, AUSTRALIA - MARCH 23: Kimi Raikkonen of Finland and Ferrari prepares to drive in the garage during practice for the Australian Formula One Grand Prix at Albert Park on March 23, 2018 in Melbourne, Australia. (Photo by Robert Cianflone/Getty Images)

Kimi Raikkonen – Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Non è stata la giornata esaltante che tutti si aspettavano ma, in casa Ferrari, non ci sono allarmismi. Si sono, infatti, concluse da poche ore le prime due sessioni di prove libere sul circuito di Baku, sul quale andrà in scena il Gp di Azerbaijan, quarta gara del Mondiale 2018 di Formula 1. Certamente l’ottimismo è cresciuto tra la prima e la seconda sessione. Questa mattina Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen avevano chiuso rispettivamente in decima e quindicesima posizione. Tempi molto alti per i due, spiegati con la scelta da parte del team di non forzare il motore, su un tracciato ritenuto ancora troppo sporco e decisamente imperfetto per girare. Inoltre sulla monoposto del finlandese sono stati eseguiti alcuni lavori sia sul cofano motore che sul fondo piatto, preludio della ricerca del perfetto set up in vista di qualifiche e gara.

Leggi anche:  Formula 1, Ferrari | Mattia Binotto: "Siamo concentrati sul 2021, tre giorni di test sono un numero limitato".

Infatti sprazzi di luce si sono ampiamente visti proprio nella sessione pomeridiana, nella quale Iceman ha centrato il 2° tempo finale a soli 69 millesimi dalla Red Bull di Daniel Ricciardo. Risultato che il duro lavoro da parte dei tecnici della scuderia di Maranello ha dato i suoi frutti. Il pilota finlandese ha ammesso qualche piccola difficoltà di adattamento alla pista, che durante la mattinata ha richiesto una sorta di rivoluzione sulla sua SF-71H, alla ricerca del miglior assetto. “La prima sessione non è stata una delle più semplici e sicuramente non il modo più adatto per iniziare il weekend. Ho chiesto dei cambiamenti radicali che hanno portato via più tempo del previsto. Avremmo dovuto iniziare a lavorare prima per poi riuscire a sfruttare qualche giro ed essere più pronti al pomeriggio. Così non è stato, ma alla fine si è rivelata la decisione vincente”, ha spiegato ai microfoni di Sky Sport. Dunque un finale di giornata positivo per Kimi, che dopo 3 prime file consecutive potrebbe centrare il poker. “E’ ancora presto e dobbiamo aspettare le qualifiche per poter parlare. Sicuramente le prestazioni fino ad ora non sono state troppo negative. Possiamo ancora migliorare e solo domani scopriremo quale sarà la nostra posizione in griglia”.

Decisamente meno soddisfatto, ma comunque non troppo preoccupato il compagno di squadra Vettel. L’11° crono non può assolutamente essere un risultato accettabile, ma c’è la consapevolezza di aver lavorato in prospettiva futura. Il tedesco, autore delle prime due vittorie del campionato, è in cerca di riscatto dopo la fallimentare gara in Cina, compromessa dalla sciagurata manovra di Verstappen. “Baku è un tracciato molto complicato, basta un piccolo errore per mettere insieme un giro. Si fatica a trovare il giusto ritmo ed è un problema che accomuna tutti – ha spiegato al termine delle sessioni – Sul giro da qualifica non ho avuto un buon riscontro, ma sono contento del long run e alla fine è tutto sotto controllo. Ritengo che la vettura vada bene e con qualche piccola modifica domani andrà anche meglio”. Seb ha così rassicurato i tifosi della Rossa che possono dormire sonni tranquilli: “Non sono preoccupato: cercherò il giro giusto in qualifica e so di poterci riuscire al meglio”. 

  •   
  •  
  •  
  •