MotoGP, Dovizioso-Ducati: entro maggio la fumata bianca

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui

Ormai ci siamo. Secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo La Gazzetta, la fumata bianca per il rinnovo tra Andrea Dovizioso e la Ducati dovrebbe arrivare entro il Gran Premio di Jerez, in programma per il 6 maggio.
La partenza a razzo in Qatar del pilota forlivese non è stata solo una conferma di quanto fatto nella passata stagione, ma è stata, soprattutto, la ricandidatura di Andrea Dovizioso come uomo di punta all’interno del box Ducati, in grado di competere sin da subito per il titolo mondiale. E dato che in Ducati si è sempre detto come i risultati in pista siano una componente determinante per la valutazione dei compensi dei propri piloti, il rinnovo di Dovizioso alla cifre desiderate appariva oramai come una pura formalità.
Assodato quindi come tutto dal punto di vista sportivo proceda nel solco della passata stagione, i vertici di Borgo Panigale sarebbero quindi intenzionati a mettere tutto nero su bianco il prima possibile, e a offrire a Dovizioso un rinnovo consono alle sue richieste: l’ingaggio annuo del 31enne di Forlimpopoli dovrebbe quindi passare dall’attuale 1,5 milioni a una cifra che si aggirerebbe intorno ai 5-6 milioni di euro netti a stagione. Scontata anche la rinegoziazione dell’ingaggio di Jorge Lorenzo, la cui cifra annua percepita di 12,5 milioni, è divenuta ormai insostenibile per le casse della Ducati, a fronte di risultati molto al di sotto delle attese. Possibile che anche al maiorchino venga offerto un rinnovo alle stesse cifre di Dovizioso, che significherebbe per lui un dimezzamento dell’attuale compenso e finalmente un’equiparazione negli ingaggi percepiti dai due piloti della squadra ufficiale.

MOTOGP, IL FUTURO INCERTO DI LORENZO. Appare piuttosto evidente quindi come il rinnovo di Dovizioso vada a collocare un tassello importante nella griglia dei top rider per la stagione 2019-2020. E con la Yamaha che ha appena riconfermato la coppia Rossi-Vinales fino al 2020 e la Honda HRC che sempre fino al 2020 si è assicurata le prestazioni del campione del mondo Marc Marquez, il prossimo mercato della MotoGP, girerà interamente intorno ai nomi di Jorge Lorenzo e Johann Zarco. E se per il pilota francese del team Tech3 appare plausibile continuare la propria strada con la casa di Iwata, che dovrebbe fornirgli una moto ufficiale gestita da un nuovo team satellite, per quanto riguarda Lorenzo saranno invece le prossime settimane a delineare il suo futuro: il tre volte campione del mondo delle MotoGP resterà in Ducati solo se i suoi risultati saranno soddisfacenti; altrimenti per lui si aprirebbero nuovi scenari.
La partenza in Qatar non è stata delle migliori per il pilota spagnolo, con il ritiro dopo la caduta per un problema al disco anteriore. Per questo già al Gran Premio di Argentina, in programma questo fine settimana sul circuito di Termas de Rio Hondo, il maiorchino avrà ancora una volta un’occasione per dimostrare di poter competere anche lui per la vittoria con la moto italiana e mettersi alle spalle un anno abbondante assai complicato, e impietoso nel confronto a quello del proprio vicino di box. Chissà che non sia la volta buona.

  •   
  •  
  •  
  •