Formula 1, Gp Francia, Alonso e le nuove sfide: 24ore di Le Mans favolosa, punto a Tripla Corona

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui

(Photo by David Ramos/Getty Images scelta da SuperNews)

Ormai Fernando Alonso non si nasconde più: nei suoi sogni ormai c’è la Tripla Corona. Il pilota della McLaren quest’anno non è più solo uno dei 20 duellanti del Mondiale 2018 di Formula 1. Lo spagnolo ha deciso di intraprendere una nuova, impegnativa e stimolante sfida: la partecipazione al campionato del mondo endurance, competizione per vetture Gran Turismo, che annovera anche la celebre e storica 24 ore di Le Mans. La gara francese si è svolta lo scorso weekend e a vincerla è stato proprio Alonso, in team con il giapponese Kazuki Nakajima e lo svizzero Sebastian Buemi, alla guida di una Toyota. Un grande risultato per il debuttante pilota di Oviedo, che non ha mai fatto mistero di voler provare nuove emozioni e la scuderia di Woking ha scelto di assecondare la richiesta di Nando, consapevole del raddoppiare degli impegni, da una pista all’altra.

Domenica torneranno ad accendersi le monoposto di F1 e la tradizionale conferenza stampa del giovedì è stata l’occasione per Alonso di tornare a parlare del trionfo passato, con uno sguardo alla gara prevista tra tre giorni.

DALLA FRANCIA ALLA FRANCIA

Per ciò che riguarda la Formula 1, si correrà il Gran Premio di Francia, che torna a far parte del calendario dopo 10 anni. Era il 2008 quando si svolse per l’ultima volta e in quell’occasione a vincere fu la Ferrari di Felipe Massa, davanti alle due McLaren di Hamilton e Kovalainen. Teatro di quella battaglia fu il circuito di MagnyCours. Oggi si torna in terra francese ma su un’altra pista: quella storica di Le Castellet, sul tracciato “Paul Ricard“, dove la F1 è assente da ben 28 anni dall’ultimo successo di Alain Prost.
Fernando Alonso, dunque, passa da Le Mans a Le Castellet con grande entusiasmo. “Vincere la 24 ore è una sensazione meravigliosa. Bellissimo gareggiare con un team come Toyota, è stato un vero dominio. Ora torniamo a concentrarci sulla F1. E’ un contesto in cui sei obbligato a fissare i tuoi obiettivi in gara e a sviluppare sempre l’auto per tenere il passo degli avversari. Puntiamo a tornare a fare punti”. Attualmente Alonso è a quota 32 in classifica, ben lontano dai piani alti, ma l’intenzione è quella di continuare sulla scia dei progressi fatti. Ma quest’anno è un Fernando multitasking, impegnato su più fronti e come già accennato, lo spagnolo punta al colpo grosso: la Tripla Corona, riconoscimento che va al pilota che ha ottenuto il successo nel Gp di Montecarlo, la 24 ore di Le Mans e la 500 miglia di Indianapolis. Nando continua, tuttavia, a mantenere ancora un certo riserbo sul suo futuro. “Vincere la Triple Crown è un obiettivo attraente perché in questo modo si dimostra di essere un pilota completo. Ma ancora non ho pensato a Indianapolis. Ci penserò e vedrò cosa fare l’anno prossimo”. 

Adesso testa alla Formula 1 definita “meno imprevedibile” della 24 ore di Le Mans: “Di notte devi mantenere alta la concentrazione, perché non conosci i distacchi dei tuoi avversari. Devi solo fare giri più veloci possibile. Comunque adesso penso al mio impegno con la McLaren, è un piacere tornare su questo tracciato, c’è tanta storia e tanto buon sostegno da parte del pubblico”.

  •   
  •  
  •  
  •