F1, Gp Gran Bretagna, Hamilton punta trionfo casalingo: “Qui è speciale. In Mercedes grande unione”

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui

Tornano a rombare i bolidi di Formula Uno e Lewis Hamilton punta al pronto riscatto. E quale teatro migliore del circuito di Silverstone, per il Gran Premio di Gran Bretagna, decima prova della stagione 2018. L’inglese è reduce dalla debacle subita nel Gp d’Austria: un problema di pressione alla pompa del carburante ha costretto il pilota della Mercedes a mettere “freccia a destra” nel corso del 64° giro, quando già la sua gara era stata compromessa da una strategia errata del team, penalizzandolo rispetto agli altri top drivers. Una ciliegina sulla torta, in negativo che si è aggiunta alla giornata storta della scuderia di Brackley, vittima di un doppio zero nei punti, a causa del ritiro di Valtteri Bottas. Anche per il finlandese noie legate all’affidabilità. Il ko bis delle Frecce d’Argento ha fatto scattare il campanello d’allarme, considerato che una situazione simile non si verificava dal 1955: in realtà, nel 2016, in occasione del Gp di Spagna, entrambe le vetture furono costrette ad alzare bandiera bianca, ma in quel frangente si trattò di un incidente di gara. Un autentico disastro, quello di domenica scorsa, che la scuderia intende rapidamente gettarsi alle spalle, provando a fermare la corsa delle Ferrari. Le Rosse, infatti, si sono dimostrate estremamente competitive e la loro performance è stata caratterizzata da un’ottima velocità di punta e da un degrado contenuto delle gomme. Fattori chiave che potrebbero mettere il Mondiale sulla via di Maranello. Dopo il secondo posto di Kimi Raikkonen e il terzo di Sebastian Vettel a Zeltweg, appunto, si è verificato un capovolgimento di fronte nella classifica iridata: Vettel 146, Hamilton 145. Ferrari 247, Mercedes 237.

CARICA LEWIS: TEAM UNITO PIU’ CHE MAI

 

ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES - NOVEMBER 23: Lewis Hamilton of Great Britain and Mercedes GP talks in the Drivers Press Conference during previews for the Abu Dhabi Formula One Grand Prix at Yas Marina Circuit on November 23, 2017 in Abu Dhabi, United Arab Emirates. (Photo by Clive Mason/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Ma l’attuale campione del mondo non mostra alcuna preoccupazione. Anzi prospetta una rapida rinascita, sicuro che l’Austria sia stata solo una “brutta avventura”. “Siamo umani e qualche piccolo timore può esserci sempre. Tuttavia come atleta non posso permettere che questo influisca sul mio weekend. Spero nell’affidabilità massima, ma questo pensiero non mi ostacolerà e il team farà del proprio meglio”, ha spiegato l’inglese nel corso della tradizionale conferenza stampa del giovedì. Pressione legittima, ma convinzione di poter essere avanti rispetto ai diretti concorrenti: “Ci sono alti e bassi, ma continuo a pensare che siamo più veloci e che alla fine saremo i migliori. La pressione complica spesso le cose e tutti abbiamo perso dei punti importanti, ma sono consapevole di avere dietro di me un grande gruppo di strateghi”. Il miglior modo per mettere a tacere le voci di un calo Mercedes sarebbe conquistare il successo, soprattutto davanti al proprio pubblico: “Trionfare qui è speciale. Per me è un privilegio e il sostegno è diverso rispetto a qualsiasi altro tracciato. L’atmosfera è unica e mi piacerebbe ritornare qui in vetta al Mondiale”.

VETTEL POSITIVO: CREDO NELLA ROSSA

 

Sebastian Vettel – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

 

Chi invece quella leadership appena conquistata non intende abbandonarla è proprio il tedesco della Ferrari, che si è detto fiducioso delle potenzialità della monoposto: “L’anno scorso eravamo molto forti. Quest’anno probabilmente non partiamo da favoriti, ma credo nella mia auto. Chi farà più progressi a fine anno si troverà nella posizione migliore. Abbiamo persone che lavorano sodo e un progetto solido. Vedremo”. Sulla lotta iridata, Seb non pretende scavare grandi distanze con il suo rivale più accreditato: “Mi accontenterei di vincere anche con un solo punto di vantaggio. Uno o dieci non contano. Sarà fondamentale cogliere tutte le opportunità che si presenteranno”, ha concluso Vettel.

  •   
  •  
  •  
  •