F1, Gp Ungheria, Hamilton carico punta al bis consecutivo: “Felice di guidare così, è il mio obiettivo”

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui

Fermarsi adesso non è un’opzione contemplata nella testa di Lewis Hamilton. Anzi l’obiettivo è continuare così. Il pilota della Mercedes si prepara a tornare in pista per l’ultimo appuntamento prima della meritata pausa estiva.  Domenica andrà in scena il Gran Premio di Ungheria, dodicesima prova del Mondiale 2018 di Formula 1 e Lewis si presenterà da leader in classifica. Al termine del Gran Premio di Germania, infatti, si è verificato l’ennesimo cambio al vertice: una gara matta in cui la pioggia arrivata intorno al 40° giro ha scombinato le carte in tavola. L’inglese partito 14° dopo i problemi tecnici del sabato ha condotto una rimonta magistrale, approfittando del consistente “aiuto” del rivale più accreditato per il titolo, Sebastian Vettel, finito dritto contro le barriere. Adesso tra i due contendenti ci sono 17 punti di differenza. Sicuramente un buon bottino che da una certa sicurezza al britannico, mettendo invece parecchia pressione sul tedesco della Ferrari.

LEWIS: AMO GUIDARE COSI’

 

Lewis Hamilton – Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

 
Una vera impresa quella compiuta da Hamilton sul circuito di Hockenheim, che il pilota è tornato a commentare davanti ai giornalisti, alla vigilia delle prime prove libere sulla pista magiara. “Difficile scegliere quale sia la vittoria più bella. Sicuramente il weekend in Germania è uno di quelli cui vado fiero. Vorrei continuare a imparare dalle cose positive di quella circostanza, migliorando quelle in cui siamo stati più superficiali. Dobbiamo continuare su questa strada anche per vedere, come team, quanto possiamo crescere”, ha spiegato il numero 44, che ha espresso grande soddisfazione in merito al proprio stile di guida: “E’ piacevole rendersi conto di guidare in questo modo, in fondo è sempre il mio obiettivo in ogni singola gara”.

SULLA MANOVRA IN GERMANIA: RIFAREI TUTTO

Hamilton in Germania ha fatto discutere per una manovra al limite, con la quale dopo aver imboccato la corsia dei box, ha tagliato la zona d’erba per ritornare in pista, in preda a un improvviso ripensamento sul pit stop. Al termine della gara, Lewis è stato sottoposto a investigazione ma l’inglese è stato “graziato” con una semplice reprimenda. Inevitabile tornare a commentare l’accaduto: “Credo sia stata una gran cosa e se potessi tornare indietro rifarei tutto. Le nostre scelte vengono prese sempre in frazioni di secondi, dunque non c’è molto tempo per pensare. Il team non ne ha avuto a sufficienza per decidere. Se ne avesse avuto, avremmo tratto la conclusione che sarebbe stato meglio rimanere in pista, perché quella era la mia sensazione”. Dunque polemica in archivio e sguardo sull’Hungaroring, per una nuova e scoppiettante sfida.

  •   
  •  
  •  
  •