F1, pagelle Gp Germania: Hamilton superlativo e fortunato, disastro Vettel. Ottimo Bottas

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui

Incredibile a Hockenheim. Lewis Hamilton trionfa nel Gran Premio di Germania, dopo essere partito dalla 14esima posizione per il problema tecnico in qualifica. L’inglese della Mercedes ha preceduto il compagno di squadra Valtteri Bottas e la Ferrari di Kimi Raikkonen. Disastro per l’ormai ex leader del Mondiale Sebastian Vettel. Il ferrarista, sotto la pioggia, commette un grave errore e finisce contro le barriere, nel punto in cui la via di fuga è inesistente. Hamilton torna dunque in testa alla classifica iridata con 17 punti di vantaggio sul tedesco (188 a 171), mentre la scuderia di Brackley sorpassa di 8 lunghezze il team di Maranello (310 contro 302).

Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

LE PAGELLE

Lewis Hamilton 10: nessuno ha mai dubitato delle grandi capacità del pilota Mercedes. Ma oggi l’inglese ha confermato la sua fama di “mago della pioggia”. Parte 14esimo ma inizia a macinare sorpassi su sorpassi, a dispetto della sua negatività post-qualifica sulla possibilità di risalire la china. A quasi metà gara è già alle spalle dei primi. Ottima scelta quella di montare la gomma ultra soft, che si rivela più performante nel momento cruciale della gara cioè quando sul tracciato arriva la pioggia a mescolare le carte. Freddo e determinato, porta a casa il bottino pieno “aiutato” dal botto di Vettel. Un pizzico di fortuna ma tanto, tanto talento: per lui “from zero to hero” è un attimo.

Sebastian Vettel 5: non si può dare proprio di più al ferrarista, nonostante un’ottima partenza e oltre metà gara condotta da leader indiscusso. Certo la pioggia ci mette del suo a movimentare le cose ma l’errore che lo porta dritto dritto contro le barriere è da piloti in erba. La sciocchezza che da un quattro volte campione del mondo non ti aspetti, soprattutto a “casa sua”. 0 in classifica che pesa quanto un macigno e si ritorna a inseguire.

Valtteri Bottas 9: fa tutto il possibile e lo fa al meglio. Parte bene e rimane incollato a Vettel. Gestisce le gomme fino al pit stop trovandosi poi a superare un Raikkonen in difficoltà. Costante e preciso, nell’ultima fase di gara agisce da scudiero perfetto completando la doppietta Mercedes che ieri appariva una vera utopia. Sempre una conferma.

Kimi Raikkonen 7: cerca di limitare i danni per una Ferrari passata in meno di 24 ore dalle stelle alle stalle. Il finlandese, dopo lo start, mantiene la terza posizione nonostante un insidioso Verstappen. È il primo a fermarsi, ma la strategia scelta non paga nel confronto con i due della Mercedes. Porta a casa punti preziosi in chiave costruttori.

Max Verstappen 6: gara sul filo dell’incertezza per il pilota della Red Bull. È soprattutto la pioggia a creare scompiglio visto che l’olandese cambia più volte le gomme provando a indovinare la strategia migliore. Scelte forse troppo azzardate da parte del team austriaco, ma alla fine un buon 4° posto che gli vale la sufficienza.

Daniel Ricciardo 4: weekend da dimenticare. Prima la penalizzazione in griglia per i cambi sulla sua Red Bull, a seguire la scelta di una gomma bianca che rende faticosa la rimonta e per finire un problema tecnico che lo mette KO. Notte fonda per il sorridente australiano.

Mercedes 10: duro lavoro e ottime strategie per i due piloti. Quel po’ di fortuna per fare il colpo grosso, ma team capace di essere al posto giusto al momento giusto.

  •   
  •  
  •  
  •