F1, Vettel si complimenta con Hamilton e la Mercedes lo esalta su Twitter

Pubblicato il autore: Domenico Di Gennaro Segui

Sebastian Vettel – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Il campionato mondiale piloti di Formula 1 2018 è stato archiviato. Lo ha vinto anche quest’anno Lewis Hamilton, con la Mercedes che è ad un passo dal vincere anche la classifica costruttori. Un’annata amara per la Ferrari e per tutti i suoi tifosi. Questo sembrava essere finalmente l’anno buono per riportare il titolo a Maranello, dove manca dal lontano 2007, ben undici anni fa. Invece, la stagione, partita sotto tutti i migliori auspici, si è rivelata un autentico incubo e una marcia trionfale per Hamilton e la sua Mercedes. Il secondo e il terzo posto ottenuti da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen nell’ultimo Gran Premio del Messico servono solo ad aumentare i rimpianti nel Cavallino Rampante per quello che doveva essere e non è stato. Alla fine della gara è stato lo stesso pilota tedesco ad ammettere sportivamente la sconfitta e a fare le congratulazioni ai rivali per la stagione svolta e per il titolo ottenuto, il loro quinto consecutivo.

Leggi anche:  Formula 1, svolta in casa Ferrari: ecco l'annuncio importante in merito alla monoposto

VETTEL, I COMPLIMENTI ALLA MERCEDES – Subito dopo la bandiera a scacchi Sebastian Vettel ha voluto complimentarsi personalmente con la Mercedes per la vittoria del titolo iridato da parte di Lewis Hamilton. Perciò, si è recato direttamente nel box della scuderia tedesca e ha stretto la mano a tutti i collaboratori e ai membri dello staff che si sono resi protagonisti di quest’annata trionfale per le “frecce d’argento”. Un gesto di grande sportività quello del pilota della Ferrari che è stato molto apprezzato anche dagli uomini della Stella a tre punte. Lo staff del team Mercedes, infatti, gli ha tributato un sentito applauso nell’ambito dei loro festeggiamenti. L’apparizione fugace di Vettel nel box rivale è stata immortalata da un breve video postato su Twitter dallo stesso profilo ufficiale della Mercedes, che ha riconosciuto onore e armi allo sconfitto tramite le seguenti parole: “Umiltà nella vittoria, eleganza nella sconfitta. Questi sono gli attributi dei grandi campioni“. Un grande attestato di stima nei confronti del tedesco che segue quello di Hamilton che, all’indomani del GP del Giappone, aveva difeso Vettel dagli attacchi dei media dopo l’incidente in gara con Verstappen.

Leggi anche:  Formula 1, svolta in casa Ferrari: ecco l'annuncio importante in merito alla monoposto

VETTEL, LE DICHIARAZIONI DOPO IL GP DEL MESSICO – Un Vettel apparso svuotato e deluso ha commentato con parole al miele il quinto titolo iridato in carriera di Lewis Hamilton: “Vittoria meritatissima per Lewis, ha fatto un lavoro superbo nell’arco di tutto l’anno. Dobbiamo accettare il verdetto della pista. Mi sarebbe piaciuto lottare ancora più a lungo, ma non è stato possibile“. Il ferrarista si è soffermato anche sulla delusione del mancato trionfo mondiale, come riportato dal sito FormulaPassion.it: “Un momento orribile perché ci ho messo tanto impegno e lavoro, e anche se vedi che la sconfitta sta per arrivare, fai conto finché puoi sulla matematica. […] Ci rifletti sopra un attimo e ti rendi conto che hai lavorato per un anno intero con grande determinazione: dalla fine della stagione prima sino ad oggi. Abbiamo avuto le nostre opportunità e ne abbiamo sfruttate la maggior parte, ma alcune no. E alla fine non siamo stati abbastanza bravi”. Quando gli si chiede se siano stati decisivi nell’economia del campionato gli errori a Hockenheim e Monza, Vettel risponde così (dal sito Motorsport.com): “Nessuno dei due, ad essere onesto, penso invece che sia stato Singapore. Nelle due gare successive non abbiamo più avuto il passo per insidiare le Mercedes, alcune cose non sono andate come previsto e non abbiamo avuto la possibilità di conquistare i punti di cui avevamo bisogno a causa di errori che abbiamo commesso e che ho commesso. […] Credo che mettendo tutto sul piatto sia stato molto penalizzante non avere la velocità che speravamo nelle ultime gare, anche questo è stato decisivo“.

  •   
  •  
  •  
  •