F1, Coronavirus: in isolamento due membri del team Haas e uno del team Mclaren.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui

F1, Coronavirus. Anche nel mondo della Formula 1 si fa sentire la minaccia del Covid-19. Dopo l’annullamento del GP di Cina e la decisione di disputare a porte chiuse il gran premio del Bahrein, in programma dal 20 al 22 marzo prossimi, oggi si apprende di possibili casi di positività al virus all’interno del paddock. A pochissimi giorni dall’inizio del primo weekend di  F1, a Melbourne, due membri del team Haas e uno del team Mclaren hanno deciso di mettersi in autoisolamento per sospetto contagio da Covid-19. Tutti e tre hanno manifestato chiari sintomi influenzali e ora sono in attesa di conoscere l’esito dei tamponi a cui sono stati sottoposti. Fonti rendono noto che i risultati sono attesi tra tre o massimo cinque giorni.

F1, Coronavirus. Un positivo all’Albert Park Hotel di Melbourne.

Oltre ai tre membri dei team, a Melbourne  si registra anche il caso di un hotel chiuso per un ospite positivo al Coronavirus. La struttura alberghiera, denominata Albert Park hotel, è situata in prossimità del circuito dove domenica si disputerà il primo gp dell’anno. Il 7 marzo scorso si è avuta la certezza della positività di un ospite dell’hotel al Covid-19. Immediatamente è scattato il protocollo: albergo chiuso e personale in quarantena. Nonostante il Ministero della Salute australiano abbia dichiarato sicura la struttura, la direzione ha deciso di procedere all’isolamento del personale e alla chiusura dell’hotel. Al momento non è ancora stata decisa una data di riapertura. Il GP si disputerà con il pubblico presente sugli spalti perché al momento la situazione in Australia non è considerata emergenziale. Il premier  Scott Morrison ha, però, disposto proprio oggi il divieto d’ingresso in Australia agli italiani.

  •   
  •  
  •  
  •