F1, Ferrari vs McLaren. Brown: “La Formula 1 può sopravvivere anche senza la Ferrari”

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui

F1, Ferrari vs McLaren. Lo scontro sull’annosa questione budget cap è apertissimo. Dopo le dichiarazioni rilasciate dal team principal della Scuderia Ferrari, Mattia Binotto, al Guardian si è scatenata una vera e proprie querelle che vede contrapposta la McLaren alla Ferrari, ma che in realtà riflette uno scontro di vedute più ampio che coinvolge tutti i team. Nonostante la nota chiarificatrice rilasciata dalla Ferrari dopo le parole di Binotto, la polemica non sembra ancora archiviata. Questa volta a parlare è il CEO della scuderia di Woking, Zak Brown, che ha espresso la sua opinione in merito alla possibilità che la Scuderia di Maranello abbandoni il circus.

La nota della Ferrari dopo le dichiarazioni di Mattia Binotto.

Il motivo dello scontro è il limite massimo del budget cap. Una questione che spacca il mondo della Formula 1 perché  contrappone nettamente i team “minori”, di cui è capofila e “portavoce” la McLaren, ai top team ovvero Ferrari, Mercedes e Red Bull. I team meno forti economicamente vorrebbero scendere sotto il limite dei 145 milioni di dollari già dal prossimo anno mentre i top team non sono affatto d’accordo. Qualche giorno fa Mattia Binotto si è espresso sulla questione in un’intervista rilasciata al giornale inglese The Guardian. Alcune sue parole hanno suscitato forti reazioni perché il team principal del Cavallino rampante aveva detto di essere pronto a valutare altre opzioni oltre alla F1 qualora il tetto del budget cap si fosse ulteriormente abbassato. Le reazioni accesissime avevano poi spinto la Ferrari ha chiarire le parole di Binotto mediante una nota rilasciata poche ore dopo. Di seguito la nota della Scuderia di Maranello.

La Scuderia Ferrari desidera chiarire cosa ha detto Mattia Binotto nella sua intervista pubblicata dal Guardian. Non ha mai menzionato il fatto che la Scuderia Ferrari possa lasciare la F1, al contrario, ha detto che non vorremmo essere messi nelle condizioni di dover esaminare ulteriori opzioni, oltre a continuare a correre in F1, per distribuire il nostro DNA da corsa, nel caso in cui il budget cap venisse ulteriormente ridotto, mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro. L’incomprensione è stata sollevata dal titolo fuorviante dell’articolo che è stato inizialmente pubblicato e che è stato immediatamente corretto“.

F1, Ferrari vs McLaren. Le parole di Zak Brown.

Il comunicato della Scuderia Ferrari non è stato sufficiente a chiudere la questione. Così, l’amministratore delegato del team McLaren, Zak Brown ha voluto rispondere alla Ferrari rimanendo su toni polemici.

Non vorrei vedere la Ferrari uscire dalla F1. Mi dispiacerebbe che qualcuno abbandonasse questo sport ed è una cosa che non vogliamo che accada. Detto questo, penso che la F1 possa sopravvivere anche con 18 monoposto in griglia. E penso che ci siano altri costruttori che possano coprire gli slot liberi se la Ferrari decidesse di lasciare. Penso che se il limite del budget cap rimanesse alto, potremmo vedere team che lasciano e potrebbero essere più di uno. La F1 non sopravviverebbe con una griglia limitata a 14 monoposto. Penso che 16 monoposto in griglia sia il limite, mentre 18 possa andare. (…) Penso che la F1 sia meglio con la Ferrari che senza. La Ferrari si contraddice e non pensa accuratamente a quella che è la realtà. Ho sentito parlare di svalutazione della F1 come conseguenza relativa all’abbassamento del budget cap. Anche prendendo come riferimento una cifra qualsiasi, 135/125 milioni di dollari non mi viene in mente una categoria che si avvicini a queste cifre di spesa per correre. Le altre categorie corrono con telai identici al massimo a cambiare è il motore. Perciò non vedo come un tetto di spesa attorno a 130 milioni di dollari possa non rendere la F1 la categoria leader del motorsport a livello tecnologico. In più a seconda di quanto si pagano i piloti e di quanto si spende per i motori, si può sempre andare oltre i 200 milioni di dollari.

Le dichiarazioni di Brown sono molto esplicite a proposito della posizione del team sul tetto massimo del budget cap. A far discutere sono le sue affermazioni sulla Ferrari. A suo parere, infatti, la F1 potrebbe continuare ad esistere senza la Ferrari perché altri costruttori potrebbero “rimpiazzarla”. Tuttavia, Brown non ha tenuto in considerazione il ruolo che la Ferrari occupa in questo sport, quanto sia stata e sia centrale nella storia della F1 e quanto interesse e passione sia in grado di suscitare nei suoi tifosi sparsi in tutto il mondo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: