MotoGp, Valentino Rossi: “Ritiro? Brutto smettere così”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Il Coronavirus ha stravolto totalmente il mondo delle corse, con la MotoGP ancora in dubbio sulla ripresa delle gare. Chi soffre in questa situazione è certamente Valentino Rossi, pilota italiano della Yamaha Petronas SRT, che dovrà decidere senza gareggiare se continuare a correre o appendere il casco al chiodo. Il Dottore si era ripromesso di decidere nelle prime 6 gare di questa stagione e ora che gli eventi hanno portato a uno stop forzato del campionato, Valentino Rossi ha affermato: “Ritiro? Non è il miglior modo per fermarsi“. Rossi lo sa, bisogna dare una risposta al proprio team, con Lin Jarvis che nelle ultime ore ha esortato il pilota a prendere una decisione senza correre, al buio, per preparare al meglio la stagione 2021.

Cambio di strategia per The Doctor – Valentino Rossi, quindi, si prenota un posto per la prossima stagione della MotoGP, come sottolineato anche durante un’intervista doppia con il compagno di team Maverick Vinales. Questo non è il miglior modo per smettere, non è un modo di chiudere una carriera che vede Valentino Rossi nove volte sul tetto della MotoGP, ecco che la sua strategia dovrà essere rivista, una scelta difficile: “Sono in una situazione difficile perché, come ho detto, la mia prima opzione è quella di provare a continuare“, ha detto il nove volte iridato. Valentino Rossi si era ripromesso di decidere nelle prime sei gare del Motomondiale, per capire al meglio la sua situazione e il livello di competizione: “È molto importante capire il livello della competizione perché soprattutto nella seconda parte dello scorso anno abbiamo sofferto moltissimo. Troppe volte ero troppo lento e ho dovuto combattere al di fuori della top-5. Nella mia mente avevo un altro anno con il team factory e aveva bisogno di tempo per capire se posso essere veloce” afferma The Doctor.

La voglia di gareggiare – Correre, per Valentino Rossi, sarebbe stata l’unica soluzione per decidere meglio cosa fare, capire i problemi con il posteriore, il passaggio ad un team satellite. I piani sono saltati, colpa del Coronavirus: “Il problema è che non ci sono più corse per colpa del Virus – Afferma Rossi -. Quindi dovrò decidere prima di correre, nella situazione più ottimistica cominceremo nella seconda metà di stagione“. The Doctor non ha tempo, bisogna pianificare la prossima stagione, ma il pilota italiano ha ancora tanta voglia di correre: “Comunque voglio continuare, ma ho dovuto prendere questa decisione senza gare. Non è il modo migliore per fermarsi, perché la situazione è che forse non gareggeremo nel 2020″. Rossi poi conlcude: “Quindi è più giusto per me fare un altro campionato e fermarmi alla fine della prossima stagione. Quindi spero di continuare nel 2021”. La decisione è quasi presa, vicina la firma con la Yamaha Petronas SRT.

  •   
  •  
  •  
  •