Formula uno, Gp Silverstone potrebbe saltare

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Sono le ore decisive per il futuro del Mondiale di Formula uno, che dovrebbe partire tra un mese e mezzo in Austria, con un doppio appuntamento sul Red Bull Ring di Spielberg. Nelle ultime ore, infatti, sono nati dei problemi per la tappa di Silverstone, in Inghilterra. Il Governo inglese ha deciso di imporre una quarantena di 14 giorni a chi entrerà nel Paese renderebbe impossibile lo svolgimento del Gp di Gran Bretagna, mettendo a rischio il suo svolgimento a fine luglio e la seconda data nella prima domenica di agosto.

I dubbi su Silverstone – I motori delle macchine iniziano a scaldarsi, sembra quasi tutto pronto per un Mondiale di Formula uno che si presta ad essere il più anomalo di sempre, a causa della Pandemia da Coronavirus che ha colpito l’intero globo. A partire dal Gp di Australia sono ben dieci le tappe cancellate e il rischio che si possa inserire in questa lista nera anche il Gp di Silverstone, in programma il 26 luglio e il 2 agosto. Questo perché il Governo d’oltre manica ha deciso di imporre una quarantena di due settimane a tutti quelli che entrano nel territorio inglese, rendendo impossibile lo svolgimento del famoso Gp. Le esenzioni al provvedimento riguardano solo il personale diplomatico e gli autotrasportatori, la cui prestazione è indispensabile per la circolazione delle merci essenziali. Non ancora, almeno al momento, il personale che si sposta per la realizzazione di eventi sportivi internazionali. Dai vertici della Formula uno fanno sapere che si sta trattando con il Governo per far sì che ci sia un esenzione per gli addetti del Mondiale e permettere che si svolga la gara, anche perché un possibile stop potrebbe avere ripercussioni anche sui posti di lavoro degli addetti alla gara.

La soluzione -La dirigenza della Formula uno pensa alla realizzazione di una sorta di “biosfera” abitata dal personale delle squadre,  lo svolgimento di test ripetuti, gli spostamenti da portare a termine su aeromobili interamente riservati, con l’obiettivo di isolare dal resto del mondo uomini e donne che danno vita al Mondiale. La sensazione, però, è che il Governo non sia disposto a concedere questa esenzione, inoltre c’è da dire che si tratta di un provvedimento che non ha una data di fine stabilita, anzi, sarà continuamente sottoposta a controlli, quindi non è detto che il Gp di Silverstone non si possa svolgere, quello che preoccupa è il tempo, che mette alle strette gli organizzatori del Mondiale di Formula uno. Sarebbe la prima volta dal 1950 che il Gp di Silverstone non partecipa ad un Mondiale, lasciando il primato di circuito sempre presente a Monza, con il Gran Premio di Italia, sempre se il destino del Gran Premio nostrano non cambi, con la data fissata per la prima domenica di Settembre.

  •   
  •  
  •  
  •