Futuro alla Sauber-Alfa Romeo per Sebastian Vettel?

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui

Il divorzio tra Sebastian Vettel e la Ferrari, oltre a provocare un effetto domino sul mercato piloti per la prossima stagione, ha sollevato molti punti interrogativi sul futuro del tedesco: rimarrà nel circus o appenderà il casco al chiodo? Scartate le ipotesi Mercedes e McLaren, gli addetti ai lavori sono convinti che l’addio alla Formula 1 sia ormai a un passo. Tuttavia, c’è chi è invece convinto che il quattro volte iridato potrebbe presto assicurarsi un sedile per il 2021. A sostenerlo è il giornalista Paolo Spalluto, che ai microfoni di Radio Ticino ha svelato una trattativa in corso. E pure ben avviata.
“Secondo me è molto probabile che finisca alla Sauber-Alfa Romeo – ha rivelato all’emittente svizzera –. Contrariamente a quanto si dice in giro, il fatto di abitare a 21 chilometri da Hinwil (quartier generale della scuderia elvetica, nda) è un elemento fondamentale per lui e la sua famiglia. La trattativa in corso è molto seria e bisogna pure tenere presente che quella che potrebbe essere la sua prossima squadra è motorizzata Ferrari. Se non andrà in Sauber penso si ritirerà. Vettel? Non sono d’accordo con chi dice che gli siano mancati gli attributi. E’ un ragazzo che ha bisogno di molta tranquillità e di sentirsi a suo agio. La Ferrari non gli ha mai fornito una macchina realmente vincente, togliendogli così serenità”.

Per quanto riguarda invece la futura convivenza tra Charles Leclerc e Carlos Sainz Jr. in rosso, il giornalista è convinto che possa essere più complicata del previsto dal momento che secondo lui lo spagnolo non avrebbe alcuna intenzione di fare da “fido scudiero” al monegasco.
“Sainz non si accontenterà di fare il gregario di Leclerc. La convivenza non sarà facile. Vedremo se la Ferrari saprà gestire la situazione. Sarebbe potuto arrivare Ricciardo, voluto da Binotto, ma Carlos costa molto meno e ha un rapporto qualità-prezzo migliore rispetto all’australiano. Lo spagnolo è stato inoltre scelto perché con lui potrebbe tornare anche il Banco Santander, già sponsor ai tempi di Alonso”.

Spalluto ha infine svelato che il passaggio di Hamilton a Maranello era praticamente cosa fatta.
“Lewis – conclude – era davvero in dirittura d’arrivo. Evidentemente l’esperienza del coronavirus ha completamente cambiato il volto della Formula 1. La necessità di ridurre il budget cap ha infatti stravolto tutto e Lewis non era più ‘pagabile'”.

  •   
  •  
  •  
  •