Lewis Hamilton manifesta a Londra a sostegno del movimento Black Lives Matter

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui


Ieri, a Londra, il sei volte campione del mondo di F1, Lewis Hamilton, è sceso in strada per manifestare a sostegno del movimento Black Lives Matter. Il pilota inglese ha reso nota la sua partecipazione attraverso il suo profilo Instagram ufficiale pubblicando nelle sue Stories alcune fotografie scattate durante la manifestazione.

Lewis Hamilton: “Fiero di riconoscere e sostenere il movimento Black Lives Matter”

Lewis Hamilton, tutto vestito di nero, aveva il volto coperto, indossava occhiali da sole e brandiva un cartellone con su scritto il nome del movimento socio-polito per il quale stava manifestando. Su un post su Instagram si è così espresso:
Oggi sono andato a Hyde Park per la protesta pacifica e mi sono sentito così orgoglioso di vedere a sostegno del movimento così tante persone di tutte le razze e di provenienze diverse. Sono stato fiero di essere là fuori a riconoscere e sostenere il movimento Black Lives Matter, e le mie origini nere. E’ stato bello vedere persone di tutte le età portare insegne del Black Lives Matter e sostenere il movimento in modo appassionato come facevo io. Sono stato inoltre molto felice di vedere tanti supporters bianchi manifestare per uguaglianza per tutti. E’ stato veramente commovente. Ho una sensazione molto positiva sul fatto che il cambiamento avverrà, ma non possiamo fermarci adesso. Continuiamo.

View this post on Instagram

This past week has been so dark. I have failed to keep hold of my emotions. I have felt so much anger, sadness and disbelief in what my eyes have seen. I am completely overcome with rage at the sight of such blatant disregard for the lives of our people. The injustice that we are seeing our brothers and sisters face all over the world time and time again is disgusting, and MUST stop. So many people seem surprised, but to us unfortunately, it is not surprising. Those of us who are black, brown or in between, see it everyday and should not have to feel as though we were born guilty, don’t belong, or fear for our lives based on the colour of our skin. Will Smith said it best, racism is not getting worse, it’s being filmed. Only now that the world is so well equipped with cameras has this issue been able to come to light in such a big way. It is only when there are riots and screams for justice that the powers that be cave in and do something, but by then it is far too late and not enough has been done. It took hundreds of thousands of peoples complaints and buildings to burn before officials reacted and decided to arrest Derek Chauvin for murder, and that is sad. Unfortunately, America is not the only place where racism lives and we continue to fail as humans when we cannot stand up for what is right. Please do not sit in silence, no matter the colour of your skin. Black Lives Matter. #blackouttuesday ✊🏽

A post shared by Lewis Hamilton (@lewishamilton) on

Hamilton:” Il vostro silenzio è ancora assordante”

Il campione della Mercedes, che nel passato ha raccontato di aver dovuto combattere contro discriminazione e pregiudizi per via del colore della sua pelle, ha poi lanciato un appello sul suo profilo social:

Il vostro silenzio è ancora assordante. Nel vostro silenzio potete anche essere persone che non sono razziste, ma abbiamo bisogno che tutti dimostrino di essere contrari al razzismo. Parlate per aiutarci a diffondere e a rendere consapevoli le persone delle ingiustizie e dei pregiudizi che i neri e le persone di colore affrontano quotidianamente e che affrontano da centinaia di anni. Non possiamo tacere oggi. Abbiamo bisogno della vostra voce. Abbiamo bisogno che usciate dalla vostra comfort-zone e che prendiate posizione. Incoraggiare la vostra famiglia, i vostri amici e i vostri colleghi a schierarsi. Così potremmo aiutare il mondo a cambiare”.

Non solo cortei e parole, Lewis Hamilton ha deciso di agire concretamente per provare a cambiare le cose. Il pilota inglese si è detto pronto a lanciare un progetto chiamato “The Hamilton Commission” in collaborazione con la Royal Academy of Engineering.  Il pilota inglese intende con questa iniziativa avvicinare i giovani di colore  al settore delle scienze, della tecnologia, della matematica e dell’ingegneria. La finalità è quella di portare questi giovani a lavorare nel settore motoristico.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Ferrari, Carlos Sainz a Maranello: "Pomeriggio proverò la macchina al simulatore per la prima volta".