F1, Hulkenberg sostituirà Perez, positivo al Covid-19

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui


F1, Hulkenberg sostituirà Sergio Perez, pilota Racing Point, dopo la scoperta della sua positività al Covid-19 avvenuta nella giornata di ieri. Il pilota tedesco disputerà con la Racing Point anche il secondo Gp di Silverstone, quello che celebrerà il settantesimo anniversario della F1in programma la prossima settimana, il 9 agosto.
La notizia della positività del pilota messicano ha creato molta preoccupazione nel paddock di Formula 1, ma dopo il disorientamento iniziale sono subito circolate molte voci a proposito di una sua possibile sostituzione con il connazionale Esteban Gutierréz. Tuttavia, la squadra ha deciso di affidare a Nico Hulkenberg il compito di sostituire Sergio Perez. Nico Hulkenberg, ex pilota Renault, avrà così l’occasione di tornare al volante di una monoposto di F1 dopo che aveva lasciato il Circus al termine della stagione 2019.

F1, Hulkenberg: “E’ una situazione difficile per Checo e la squadra, gli auguro una pronta guarigione”.

Meno di ventiquattro ore fa, Hulkenberg era in Germania impegnato in un altro progetto quando ha ricevuto la telefonata di Otmar Szafnauer, direttore della Racing Point, che gli comunicava la notizia. Il pilota tedesco ha così commentato:

“In questo momento mi sembra tutto un po’ surreale. Però amo le belle sfide e questa è senz’altro una di quelle. E’ una situazione difficile per la Racing Point e per Checo (Perez). E’ un mio amico, un vecchio compagno di squadra e gli auguro una pronta guarigione. Entrerò e cercherò di fare il meglio che posso per la squadra”.

 

Sergio Perez: “E’ uno dei giorni più tristi della mia carriera”.

Sergio Perez intanto ha rilasciato un video sui social network in cui ha voluto raccontare i fatti. Nei giorni scorsi il pilota è stato in Messico a visitare sua madre ricoverata in ospedale in seguito ad un incidente. Queste le sue dichiarazioni.

E’ uno dei giorni più tristi della mia carriera. Ci siamo preparati molto per questo fine settimana per essere pronti al 100%. Sapevo di avere un’ottima macchina e che la squadra aveva fatto un lavoro fantastico. Sono davvero triste, ma la mia positività dimostra quanto siamo tutti vulnerabili al virus. Seguo tutte le istruzioni della FIA e del mio team. Dopo il mio viaggio in Messico, sono tornato in Europa con tutti i protocolli in atto e sono stato contagiato, ma non so dove. Non ho alcun sintomo. Voglio ringraziare tutti i miei compagni per il supporto che mi hanno dato, il mio team, le autorità e i fan. Questi sono momenti difficili per me, ma sono sicuro che tornerò più forte. State al sicuro, prendetevi cura di voi e delle vostre famiglie: io spero di tornare presto in pista”.

https://www.instagram.com/tv/CDTOi0VKSFZ/?utm_source=ig_web_copy_link

  •   
  •  
  •  
  •