F1, storia e curiosità del GP di Imola

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

Bentornata Imola,  bentornata perché per  gli appassionati di F1 è qualcosa di veramente particolare. E’ un circuito che ha dato tantissimo agli sportivi a due e quattro ruote e ha fatto grandi tanti piloti, anche se nel passato questo circuito ha vissuto dei momenti drammatici. Il circuito nasce all’interno del parco di Imola grazie all’interessamento di Francesco Costa, padre di un signore che è rimasto per tantissimi anni legato alle due ruote ovvero Claudio Costa, personaggio che ha creato la Clinica Mobile. All’interno di questo tracciato si sono svolte le prime gare nel motomondiale nel 1950 con la famosa Coppa d’Oro Shell e Imola in quella occasione  fu il primo circuito cittadino ad essere chiuso e a diventare un circuito permanente. La F1 mosse i primi passi con Jim Clark  che fece un test con la Lotus nel 1963  e da lì in poi fino a quando arrivo il motomondiale e prima ancora la F1, ed è stato un test continuo per le due e quattro ruote.
In questo circuito la F1 ci arrivò nel 1981 e tra il 1985 e il 1990 ci furono due vittorie italiane con Elio De Angelis e poi con Riccardo Patrese. Elio De Angelis non riuscì a gioire perché De Angelis fu classificato secondo ma vinse a tavolino il GP di Imola a causa della squalifica di Prost perché la vittoria era risultata troppo leggera (536 kg) rispetto ai 540 kg previsti dal regolamento.
L’ Autodromo del Santerno ha visto per la prima volta nella sua storia salire sul podio per il Gran Premio d’Italia ( perché allora Imola fu Gran Premio d’Italia , la prima edizione fu nel 1980) per poi diventare GP di San Marino un pilota che si chiamava Nelson Piquet che vinse sia il GP d’Italia (nel 1980) e sia il GP di San Marino (nel 1981) e fu il primo sorriso. Il sorrise si spende quando i due piloti della Ferrari Gilles Villeneuve e Didier Pironi nel 1982 in qualche modo per far divertire il pubblico ferrarista andarono incontro a grossi guai e soprattutto alla rottura del rapporto e che porterà purtroppo alla morte di Gilles Villeneuve nel GP successivo a Zolder in Belgio. Nel 1994 perse la vita uno dei piloti più grandi della storia della F1 Ayrton Senna ma che su queste tracciato fu dichiarato il “funambolo delle quattro ruote”, un pilota che non c’era bisogno che mettesse le ruote sul circuito di Imola per definire la sua alta prestazione agonistica che ha fatto anche Michael Schumacher, 7 GP vinti ad Imola ed è lui il pilota che ha vinto di più su questo tracciato ed è il pilota che ha fatto tutti i record possibili ad Imola, Imola che non si disputa più come GP valido per il mondiale di F1 dal 2006. Tutto è pronto per il ritorno di Imola in questo weekend per far si che si gioisca per qualcosa che la F1 ha fatto grande ovvero il circuito di Imola

Leggi anche:  Formula 1, ecco il futuro di Sergio Perez

Statistiche vittorie ad Imola
Michael Schumacher 7 vittorie
Ayrton Senna e Alain Prost 3 vittorie
Damon Hill, Nelson Piquet e Nigel Mansell 2 vittorie

  •   
  •  
  •  
  •