F1 | GP Austin, le pagelle: Lewis Hamilton trionfa e inizia a mettere le mani sul titolo mentre le Ferrari completano il podio

Pubblicato il autore: Giulia Cattai Segui

Si è concluso il GP di Austin, diciassettesima tappa del mondiale di Formula 1. A vincere nel circuito americano è stato Lewis Hamilton, ottenendo la nona vittoria stagionale. Il pilota inglese porta il suo vantaggio a 66 punti e permette alla Mercedes di festeggiare con tre gare di anticipo il campionato costruttori. A completare il podio ci sono i due piloti Ferrari. Ecco le pagelle del GP degli Stati Uniti.

Lewis Hamilton: voto 10. Scatta dalla pole position, ma la sua partenza non è delle migliori. Prova a chiudere la porta a Vettel, ma viene comunque superato. Nessun problema per lui, che rimane attaccato al pilota tedesco e compie il sorpasso al sesto giro. Su questo circuito il pilota britannico si trova bene e lo dimostra il fatto che per la sesta volta è lui ad aggiudicarsi la vittoria in America (in totale conta 5 vittorie ad Austin e una a Indianapolis). Con questo primo posto, Hamilton sale a quota 22 gare consecutive in cui chiude a punti. Adesso la vittoria del quarto mondiale è sempre più vicina. Il pilota inglese potrebbe già festeggiare in Messico: gli basterà arrivare quinto per aggiudicarsi il titolo.

Sebastian Vettel: voto 8. Il pilota tedesco ha uno spunto migliore in partenza, ma non riesce a rimanere davanti a Hamilton per molto. Dopo il pitstop monta le soft e questo potrebbe far pensare a una sola sosta, ma a 17 giri dalla fine sembra arrivare un brutto calo e si ferma ancora. Rientra in quarta posizione e recupera i secondi di distacco da Bottas. Mentre il pilota finlandese della Mercedes è intento a doppiare Vandoorne, Vettel si infila e lo supera. Un sorpasso da brividi, bellissimo. Nel complesso pecca una mancanza di ritmo, ma quel sorpasso è davvero degno di nota!

Kimi Raikkonen: voto 8. Parte dalla quinta casella e viene sorpassato da Ocon. Riesce a recuperare la posizione e si mette in lotta con Ricciardo (costretto poi a un ritiro) per il quarto posto. Il suo ritmo è incredibile. Si porta alle spalle di Bottas e compie il sorpasso in staccata. Continua a mantenere un buon ritmo, ma viene sopraggiunto dal compagno di squadra e da Max Verstappen. Lascia strada a Vettel e prova a resistere a Verstappen. Subisce il sorpasso e perde il gradino del podio, salvo risalirci dopo che i commissari giudicano irregolare il sorpasso del pilota Red Bull. Nell’insieme la sua è stata una bella gara.

Max Verstappen: voto 10. Scatta dalla sedicesima posizione e inizia subito la sua rimonta. Ci impiega circa dieci giri per raggiungere la settima piazza. Opta per una strategia a due soste e questo gli permette di trovarsi negli scarichi di Raikkonen all’ultimo giro. Sferra il colpo all’ultima curva e ottiene il terzo posto. Un sorpasso sicuramente bello, ma anche irregolare: il pilota olandese, infatti, non rispetta i limiti della pista per compiere la manovra e riceve 5 secondi di penalità, perdendo così il gradino più basso del podio. È vero, il sorpasso è stato spettacolare per i tifosi della Formula 1, ma le regole sono regole!
Comunque il giovane Verstappen, fresco del rinnovo triennale, si sta dimostrando molto concreto e maturo in questa parte finale del campionato.

Valtteri Bottas: voto 6. La sua gara è senza gloria e senza infamia. O forse no? Parte terzo e si deve proteggere dai sorpassi di Ricciardo. Viene superato da Kimi Raikkonen, da Sebastian Vettel e anche da Max Verstappen. Decide di rientrare ai box alla fine per montare le ultra soft, ma non riesce nemmeno a strappare il giro veloce. Insomma, viste le prestazioni della Mercedes di Hamilton, ci si aspetta di più da Bottas.

Esteban Ocon: voto 7+. Questo ragazzo è ormai una certezza. Ogni weekend dimostra di star crescendo e di aver del talento. Lo troviamo sempre nella top 10. Riesce a tenere dietro il compagno di squadra e anche il debuttante Sainz.

Carlos Sainz: voto 7,5. Il suo debutto in Renault non poteva iniziare meglio di così. Le sue prestazioni sono al livello di Hulkenberg (costretto a un ritiro). Chiude la gara al settimo posto, rendendosi anche protagonista di bei sorpassi. Bravo Carlos!

Bocciata la McLaren Honda. Anche questo weekend è un disastro. Alonso è costretto a ritirarsi per un problema tecnico. Vandoorne è costretto a partire ultimo a causa delle numerose penalità per il cambio di PU: riesce a rimontare, ma non abbastanza per arrivare a punti. Intanto in casa McLaren si spera che la stagione finisca il prima possibile, non se ne può più!

  •   
  •  
  •  
  •