Formula 1, ottimismo Alonso: problemi risolti e McLaren pronta al 100%

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui

Tornano a rombare i motori di Formula 1. Tra due giorni, infatti,  con le prime prove libere scatterà il Mondiale 2018, sul circuito australiano di Albert Park, a Melbourne. Nonostante i test ufficiali e le prime sensazioni, sarà come sempre il cronometro il giudice inappellabile che rivelerà l’effettivo potenziale delle singole scuderie. La macchina da battere sembra essere ancora la Mercedes guidata da Hamilton e Bottas, ma la Ferrari con la consolidata coppia Vettel-Raikkonen, pare aver fatto il salto di qualità, colmando quasi del tutto il gap con il team di Brackley. La Rossa di Maranello cercherà di interrompere il dominio Mercedes, ma dovrà tenere d’occhio anche la Red Bull dell’arrembante duo Ricciardo-Verstappen.

Ma a cercare un posto al sole c’è anche Fernando Alonso, di nuovo al volante di una McLaren, spinta dal motore Renault e decisa a lasciarsi alle spalle il triennio nero vissuto con Honda. A dispetto dei risultati non del tutto incoraggianti dei test, nel corso dei quali le Frecce d’Argento sono state più volte costrette ai box per problemi di affidabilità del motore della casa francese, lo spagnolo guarda con estremo ottimismo alla stagione alle porte, pur essendo consapevole della grande forza dei campioni in carica. “La Mercedes ha fatto un lavoro eccezionale negli ultimi anni e merita di stare lì. Spetterà a noi attuare le strategie migliori per riuscire a superarli. Ritengo la McLaren sia una delle scuderie con le migliori prospettive future e mi auguro che questo futuro possa essere molto vicino, anche in questa stagione“, queste le parole dell’asturiano ai giornalisti e riportate dal quotidiano Marca. “Le difficoltà riscontrate nei test sono state del tutto risolte e adesso possiamo essere ottimisti, sapendo che la nostra vettura è pronta al 100%. Un buon risultato in Australia sarebbe la giusta motivazione per tutto il gruppo“. Sui favoriti in pista, la risposta di Alonso appare quasi naturale e scontata: “Mercedes poco più aventi a tutti, a seguire Ferrari e Red Bull. Ma noi dimostreremo di lottare con i più forti“.

A questo punto non resta che aspettare ancora 48 ore per capire chi avrà ragione, ma c’è da scommettere che la lotta iridata sarà più serrata che mai.

  •   
  •  
  •  
  •