F1, Leclerc e Vettel : “A Monza cercheremo di sfatare la maledizione”

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

Alla vigilia del Gran premio D’Italia 2019  i due piloti della Ferrari Charles Leclerc e Sebastian Vettel e il team principal del cavallino rampante Mattia Binotto hanno parlato in Piazza Duomo a Milano in occasione dei 90 anni della Ferrari.
Le parole:
Leclerc e Vettel.” Questo fine settimana siamo circondati dalla passione e dall’affetto dei nostri fans  che invaderanno Monza. Questa gara rappresenta tanto per me mi riporta alla mente quando nel 2008 vinsi la prima gara con una vettura con il motore Ferrari ma non era rossa. L’obiettivo è quello di sfatare il tabù , vincere con la rossa a Monza. Negli anni precedenti eravamo sempre molto vicini a vincere, ma è mancato sempre l’ultimo passo. Il tracciato è unico al mondo,bisogna avere una macchina con un basso carico areodinamico e quindi con un assetto molto aggressivo. Queste macchine moderne  che hanno ali limitate sono molto leggere e sono molto difficile da controllare in frenata. I rettilinei si sovrappongono a lunghe chicane nel quale bisogna trovare il giusto punto di corda. Per questo è difficile trovare il giusto assetto per Monza. Se però si riesce a trovarlo, una volta presa la confidenza con il circuito , sarà molto divertente. Noi daremo tutto , è impressionante vedere questa gente  ”
Binotto:” Presentarsi al GP d’Italia , nel nostro GP di casa dopo la prima vittoria di Charles a Spa- Francrschmaps è senza dubbio un ottimo biglietto da visita davanti ai nostri tifosi qui a Monza, ringrazio tutti i tifosi Ferrari di tutto il mondo che ci hanno supportato in questa difficile stagione per la squadra. Il layout del circuito di Monza? Il circuito di Monza presenta delle velocità elevate con rettilinei e frenate molto violente. In Belgio siamo stati perfetti e a Monza dobbiamo fare altrettanto, ogni errore qui si paga caro. A Monza c’è il podio più bello del mondiale e non esiste pubblico più bello di quello italiano e questo ci darà una carica in più”

  •   
  •  
  •  
  •