Ferrari minaccia l’addio alla Formula 1

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui

L’anno scorso la Formula 1 aveva deciso di darsi un limite di 175 milioni di dollari per il Mondiale 2021. Al momento, a causa dell’emergenza coronavirus, Team, Liberty Media e FIA stanno ragionando di scendere sino a 145 milioni e ieri sono uscite alcune indiscrezioni che nel 2022 il budget cup potrebbe scendere a 130 milioni. Il team principal Ferrari Mattia Binotto ha basato un ragionamento proprio su questa cifra: “Il limite di 145 milioni è già un ridimensionamento importante che ci impone sacrifici in termini di risorse umane ma andare sotto quella cifra potrebbe costringerci a valutare altre opzioni. Siamo consapevoli che il mondo, così come la F1, stanno affrontando enormi sfide con il Covid-19 ma non è il momento di reagire in tutta fretta prendendo decisioni senza valutarne attentamente le conseguenze“.

Cosa comporta questa situazione?

Con un taglio del genere la prospettiva è il licenziamento di parte del personale della Scuderia oltre all’abbassamento del livello di innovazione tecnologica che da sempre la Formula 1 porta in dote sia alla competizione che, di riflesso, alle vetture di produzione. “La F1 deve essere l‘apice di tecnologia e prestazioni dello sport automobilistico, limitando eccessivamente i costi rischiamo di abbassare il livello, avvicinando a quello delle serie inferiori. Valuteremo la possibilità di fornire vetture complete a squadre clienti, accade anche in MotoGP e non sarebbe un sacrilegio“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: