F1, arriva l’ufficialità: il Mugello accoglierà il Circus il prossimo 13 settembre

Pubblicato il autore: Simone Pietro SF98 Segui

Da settimane se ne parlava, ora è arrivata l’ufficialità: il Circus quest’anno gareggerà al Mugello.

A confermarlo è stata proprio la Formula 1, grazie a un comunicato rilasciato in mattinata, con il quale è stato dato il via libera per lo svolgimento della tappa in terra Toscana; il calendario iridato del Circus non contava due GP in Italia dal 2006, quando si correva sia a Monza sia a Imola.

Il Covid-19 ha causato un forte stravolgimento del calendario previsto originariamente, e Liberty Media è stata obbligata a trovare un’alternativa legata ai forti disagi causati dalla pandemia.

Il calendario 2020 conterà tra i 15 e i 18 GP totali, tra cui molte doppie gare disputate sullo stesso tracciato (come nel caso dell’Austria, della Gran Bretagna e del Bahrain) e circuiti non previsti inizialmente, come appunto il Mugello e Portimao, quest’ultimo ancora in attesa dell’ufficialità.

Il GP del Mugello si disputerà il 13 settembre, la settimana successiva alla gara di Monza, e permetterà ai piloti di assaggiare un mix di curve velocissime, caratterizzate da continui cambi di pendenza, come il tratto Casanova-Savelli, seguito immediatamente dalle due curve Arrabbiata.

Il primo GP del Mugello in F1

L’evento sarà denominato “GP di Toscana Ferrari 1000”, in onore del millesimo GP di F1 che il Cavallino arriverà a disputare tra 2 mesi.

L’autodromo situato a 35 chilometri da Firenze non hai mai ospitato il Circus per un GP; in passato è stato scelto da alcune scuderie tra cui Ferrari (proprietaria del circuito situato a Scarpiera e San Pietro) e Minardi per lo svolgimento di test privati.

A metà stagione del Mondiale 2012 ha persino ospitato una sessione ufficiale di test di Formula 1.

Proprio la Rossa quest’anno, a pochi giorni dal GP d’Austria, aveva scelto il Mugello per consentire a tutta la squadra di scendere in pista e riprendere la mano con le attività dopo il lungo stop dettato dal Coronavirus.

Al momento non è chiaro se l’evento sarà aperto al pubblico, ma certamente le tribune colme di pubblico renderebbero ancor più mozzafiato un evento che ha dello storico, visto il traguardo raggiunto dalla Ferrari in Formula 1 e la grande soddisfazione della Regione Toscana nel poter accogliere il Circus per la prima volta in assoluto.

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •