Vettel e la trattativa con l’Aston Martin

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Il mondiale di Formula 1 è finalmente iniziato ed ha visto un inizio di stagione difficile per la Ferrari, in particolar modo Sebastian Vettel. Certo ormai di lasciare la monoposto del cavallino rampante, il tedesco è apparso demotivato e privo di quella grinta che lo ha sempre contraddistinto, come dimostrato nelle prime due gare della stagione, con l’ultima disputata che ha visto il suo ritiro e quello di Leclerc ad inizio Gp, a causa di una collisione proprio tra i due compagni di scuderia. Ora tutti gli occhi sono puntati sul quattro volte campione del mondo con la Redbull, sia per quanto riguarda la gara del Gp d’Ungheria, sul circuito di Hungaroring, dove dovrà dimostrare di essere ancora Vettel, sia per quanto riguarda la sua prossima destinazione, con molti rumors che lo vogliono all’Aston Martin.

Vettel e Aston Martin, tutto si decide tra due settimane

Due settimane per decidere il futuro di Vettel, pilota tedesco 33enne. Il futuro è quasi certamente alla guida di una monoposto di F1, con i rumors che insistono nel vederlo su una Aston Martin. La casa automobilistica inglese darà il proprio nome alla scuderia Racing Point, sognando di debuttare alla grande con l’ingaggio di uno dei fenomeni delle quattro ruote. Secondo la Bild la trattativa è in fase avanzata e tutto sarà più chiaro entro il 31 luglio perché nel contratto di Sergio Perez, che gli farebbe spazio, c’è una clasuola di separazione da esercitare entro fine mese. Confermatissimo invece Lance Stroll che è anche figlio del proprietario del team.

Una notizia che ha fatto il giro del mondo, con un affare ormai in dirittura d’arrivo e che chiude la porta ad un ritorno di Vettel alla Redbull o addirittura un suo approdo alla Mercedes. Il pilota classe ’87, all’avvio del Gp d’Ungheria, ha parlato ai microfoni di Sport1, dribblando le domande sul futuro: “Il mio futuro continua ad essere aperto. Non è ancora stato deciso nulla. Anche a distanza di un anno, molto è ancora possibile. L’unica cosa certa: proverò tutto fino alla fine della stagione per far uscire la Ferrari dall’attuale crisi“.

  •   
  •  
  •  
  •