F1, Amazon punta a trasmettere i GP sulla propria piattaforma streaming

Pubblicato il autore: Simone Pietro SF98 Segui

Amazon, il noto colosso americano specializzato nella vendita online di milioni e milioni di prodotti in tutto il mondo, ha introdotto nel 2017 una propria piattaforma streaming, conosciuta con il nome di Prime Video, ricca di contenuti e capace di affermarsi nonostante la concorrenza, ma il vero passo in avanti del servizio offerto dalla rete digitale statunitense consiste nell’acquisizione dei diritti per trasmettere competizioni sportive di altissimo livello; Prime video può già vantare eventi prestigiosi come il grande tennis, la NFL, arrivando fino alla recente novità riguardante il calcio europeo, con un’offerta in grado di offrire alcuni match della Premier League e la proiezione in Italia della Champions League durane il triennio 2021-2023.

Alla lunga lista di eventi sportivi potrebbe presto aggiungersi anche la F1: come confermato dall’AD attuale del Circus, Chase Carrey, le trattative tra la categoria regina dell’automobilismo e Amazon Prime Video sono attualmente in corso, e Liberty Media sarebbe assolutamente propensa a chiudere le trattative visto l’enorme potenziale della piattaforma e l’immensa occasione di espansione che fornirebbe quest’ultima alla F1, una vera e propria vetrina presente in tutto il globo. Carey ha poi ribadito che la F1 non ha trattato solamente con Amazon; in effetti su Netflix sono state rilasciate due stagioni della serie “Drive tu Survive“, girata all’interno dei box durante i weekend di gara, consentendo allo spettatore di immedesimarsi nel clima di un GP di F1.

Inoltre le grafiche ufficiali del Circus vantano già una collaborazione con un servizio Amazon, gli “AWS” (Amazon Web Services), capaci di fornire parametri molto dettagliati come il consumo delle gomme di una specifica vettura, l’evoluzione in termini di tempo delle monoposto durante la stagione…

 

  •   
  •  
  •  
  •