Sainz (Ferrari) punta il dito: “È finito tutto e non certo per colpa mia”

Pubblicato il autore: Rudy Galetti

Il pilota della Ferrari si è lasciato andare durante un’intervista rilasciata a Sky Sport, parlando del suo momento di difficoltà in pista, come dimostrato dall’uscita poco la dopo la partenza nel Gran Premio di casa, ad Imola. Ecco le sue parole: “Non è un momento facile, c’è poco da girarci attorno. Avevo una gran voglia di fare bene in questa gara sul bagnato e mi sentivo bene. Purtroppo la fortuna non mi ha aiutato. Si tratta della seconda corsa di fila nella quale non posso completare nemmeno due giri. Peccato perché in questo modo mi manca anche l’opportunità di conoscere di più la macchina. Ad ogni modo la F1 è anche questo. io devo rimanere concentrato e positivo“.

Lo spagnolo ha anche fatto un’analisi più approfondita su quanto accaduto in pista, puntando il dito contro Ricciardo: “Al via sono partito male, ma ho visto che anche Charles ha sofferto allo spegnimento dei semafori. Dovremo capire perché gli altri hanno fatto meglio di noi. Dopodiché sapevo che comunque la gara sarebbe stata lunga e avrei potuto recuperare posizioni. Purtroppo in curva 2 è finito tutto e non certo per colpa mia. Daniel Ricciardo ha preso il cordolo e mi ha colpito facendomi finire nella ghiaia. Io gli avevo lasciato abbastanza spazio, peccato“.

  •   
  •  
  •  
  •