La VR46 Academy a X Factor per svelare le nuove livree 2017

Pubblicato il autore: francesca la fata Segui

Risultati immagini per livree academy x factorSerata di stelle ed ospiti di eccezione ieri sera per la finalissima del talent di Sky Uno “X factor”, che si è tenuta al Mediolanum forum di Assago, alle porte di Milano. Fra i tanti accorsi per l’evento, non sono mancati i campioni dello sport e, in particolare, del motociclismo, con la VR46 Academy a portare la bandiera di una realtà italiana fra le più promettenti in pista.
I piloti Nicolò Bulega, Andrea Migno, Francesco Bagnaia e Stefano Manzi sono saliti sul palco prima dell’inizio della competizione e hanno svelato le nuove livree che vestiranno le loro moto nella stagione 2017, anno di particolare interesse per l’academy; oltre alla concreta possibilità di lottare per il titolo mondiale di moto3 con Bulega e Migno, che hanno fatto molto bene già nel loro primo anno in sella, il progetto di Valentino Rossi e Sky debutterà l’anno prossimo anche in moto2, dove tenterà di infastidire i big con Bagnaia (già per altro assolutamente da inserire fra i protagonisti della stagione grazie a una serie di risultati positivissimi ottenuti nella stagione di moto3 appena conclusasi) e Stefano Manzi, romagnolo classe ’99 che si è reso protagonista come wildcard in tre occasioni nel corso del 2016, durante il Gp d’Austria, quello di Gran Bretagna e di San Marino, chiudendo con 13 punti ottenuti grazie al quarto posto sul circuito di Silverstone.

Ultimata la pratica presentazione delle nuove livree delle KTM RC 250 GP da Moto3 e KALEX da Moto2 e quella dei nuovi loghi, il diciassettenne Nicolò Bulega, punta di diamante del team VR, ha parlato della passata stagione e delle aspettative per la prossima ai microfoni di Sky Sport: “Binder quest’anno era in formissima, aveva un team molto competitivo e la moto anche. Poi lui era più forte e lo è stato dalla prima all’ultima gara, ha meritato di vincere il Mondiale. Per la mia stagione sono contento, anche se mi dispiace non aver ottenuto il titolo di Rookie of the Year. Non è stata del tutto colpa mia, perché in quattro gare mi hanno fatto cadere e non sono stato molto fortunato dunque. Però nel complesso è stata una stagione positiva, in cui ho imparato un sacco di cose. Nella prossima spero di fare meglio”, ha concluso il pilota, che dopo un inizio scoppiettante con la pole position nelle prime qualifiche in Qatar e un secondo posto nella stessa gara, ha riscontrato una serie di sfortunati incidenti che l’hanno tagliato fuori dalla lotta per il titolo.Risultati immagini per bulega e bagnaia

Il piemontese Francesco “Pecco” Bagnaia sarà invece protagonista del salto di categoria, passo sempre stimolante ma anche complicato per un pilota. Così ha commentato la difficile ricerca del feeling in cui è ora coinvolto: “Non è una moto facile come la Moto3, che ti fa arrivare forte in curva e staccare forte per poi aprire gas prima possibile. Con questa devi cercare di essere sempre perfetto, devi dosare con l’acceleratore, non devi esagerare e starci dietro. Non è facile come le altre. Bisogna essere precisi in tutto. La cosa che mi ha impressionato e a cui ho dovuto abituarmi è il peso, soprattutto in staccata, in cui bisogna fermarla molto. Bisogna stare attenti al freno e ai cambi di direzione meno rapidi che in Moto3. Nei primi test ci abbiamo dovuto lavorare molto. Gli ultimi due anni in Mahindra mi sono serviti per arrivare preparato alla Moto2”.

Aspettiamo dunque con curiosità di seguire l’annata di queste giovani promesse italiane.

  •   
  •  
  •  
  •