MotoGP: calendario test invernali. Ipotesi GP cittadino nel 2019 ?

Pubblicato il autore: Davide Curti Segui
    A Sepang primi test invernali per la prossima stagione

La Dorna ha ufficializzato il calendario dei testi invernali in preparazione del prossimo motomondiale, che inizierà il 18 marzo in Qatar. Sono tre gli appuntamenti previsti nel 2018, che nel 2019 scenderanno a due.
Si partirà da Sepang, in Malesia, dal 28 al 30 gennaio. A seguire piloti e team si trasferiranno in Thailandia, nel nuovo circuito di Buriram, che farà il suo esordio quest’anno all’interno del calendario del Mondiale, e che ospiterà i suoi primi test ufficiali dal 16 al 18 febbraio. Una tre giorni importante per fare la conoscenza del nuovo tracciato, su cui si correrà ad ottobre. Come da tradizione, poi, l’ultimo appuntamento dei test invernali si svolgerà sul Circuito di Losail, in Qatar, da dove partirà la stagione. Le sessioni di test sono programmate tra l’1 e il 3 marzo. Ulteriori appuntamenti per testare lo sviluppo delle moto saranno disponibili nel corso della stagione a Jerez, Montmelò e Brno.

Nel frattempo non possiamo non riportare le dichiarazioni rilasciate dall’amministratore delegato della Dorna, Carmelo Ezpetela, sulla possibilità di un Gran Premio cittadino per la MotoGP. Il CEO della società che gestisce il motomondiale, ha dichiarato al giornale Espansion che “è possibile che tra le gare che compongono il mondiale, in futuro possa esserci anche un tracciato cittadino. Esiste un progetto reale e solido in una città calda. In teoria, il rettilineo del circuito sarà cittadino, mentre il paddock sarà coperto e integrato all’interno di un centro espositivo. In questo modo durante il weekend darà utilizzato per la gara, mentre nel resto dell’anno potrà essere riqualificato”. Non sappiamo quanto possa essere effettivamente praticabile quest’idea, dato che nel 2019 le gare stagionali saliranno a 20, con l’introduzione del Gran Premio di Finlandia. Ma sicuramente sarebbe una grande vetrina sia per la MotoGP che per la città ospitante. A proposito, scatta già da ora la corsa ad individuare la ‘città calda’, su cui Ezpetela è stato molto ermetico.

  •   
  •  
  •  
  •