MotoGp, rinviato il Gp del Kazakistan: il motivo

Cambiamenti nel calendario della MotoGp: a causa della condizioni climatiche difficili che hanno messo in ginocchio il paese, il Gp del Kazakistan, inizialmente previsto per il weekend tra il 14 e il 16 giugno, è stato rinviato a data da destinarsi, ma c'è il rischio annullamento.

La notizia dell'ultimo minuto rischia di stravolgere il calendario del mondiale di MotoGp. Nella stagione 2024, le gare previste sono 21, ed in ogni weekend c'è anche sprint da correre al sabato, ovvero una normale gara ma di lunghezza dimezzata. Una delle novità del calendario di questa stagione è il Gp che si sarebbe dovuto correre in Kazakistan, nel weekend tra il 14 e il 16 giugno. Ma le recenti inondazioni e le avverse condizioni climatiche, hanno messo in ginocchio il paese asiatico, ed il Gran Premio è stato rinviato a data da destinarsi.

MotoGp, annullato il Gp del Kazakistan?

Con un comunicato congiunto, FIM, IRTA e Dorna Sports hanno annunciato il rinvio del Gran Premio del Kazakistan a data da destinarsi. La volontà della MotoGp è quella di recuperare il weekend di gara nel corso del 2024, quando la situazione nel paese migliorerà. Ma nel caso non si dovesse trovare una collocazione in calendario, c'è il rischio che il Gp del Kazakistan venga annullato.

Ecco il comunicato appena pubblicato sulla situazione del Gran Premio che si sarebbe dovuto correre a metà giugno:

"Il Gran Premio del Kazakistan è stato rinviato a più tardi nel 2024. Condizioni meteorologiche senza precedenti hanno provocato inondazioni in tutta l’Asia centrale, provocando un’emergenza nazionale in Kazakistan e costringendo gran parte della popolazione a sfollare. Non sarebbe responsabile per la MotoGP aggiungere ulteriori oneri alle autorità o ai servizi mentre lavorano per aiutare le decine di migliaia di persone colpite in tutto il Paese. Il Sokol International Racetrack non ospiterà quindi il GP nelle date precedentemente annunciate, ed eventuali ulteriori aggiornamenti verranno pubblicati una volta confermati. Come nostra massima priorità, la MotoGP invia le nostre condoglianze e il nostro sostegno al popolo del Kazakistan e a tutte le persone colpite dalle inondazioni in Asia centrale. Ci auguriamo che la nazione, la regione e le comunità colpite possano riprendersi il prima possibile".