Bruno-Ngapeth Vs Lucchetta, Dhl Modena si defila

Pubblicato il autore: Manuela Passarella Segui

ngapeth

“Tutto rispeto per Lube Fans molto meno per Lucchetta #Sciacqua”.

Earvin Ngapeth giustifica così il gesto di domenica durante la splendida gara di Superlega andata in scena tra Lube volley e Dhl Modena. Al di la del risultato, delle emozioni da finale scudetto, della vittoria al tie-break dei modenesi, a segnare la partita è stato l’avvio delle ostilità tra Ngapeth che evidentemente non ha gradito qualche uscita del titolato ex Andrea Lucchetta al quale, dopo un attacco impressionante esaltato dallo stesso Lucky, ha fatto con la mano il gesto riferito a chi chiacchiera troppo. Immediato il fraintendimento: dietro la zona telecronaca era piazzato un gruppo di tifosi della Lube che ha pensato che il gesto fosse indirizzato a loro. Apriti cielo. Un coro di fischi si è issato contro il francese che si si è giustificato chiarendo che il gesto era per l’ex Modena, come se Lucchetta di volley non capisse granché.
Grande errore. Su di lui si è riversato tutto il popolo del volley degli anni 80-90 e non solo. A dar man forte a Ngapeth, però ci pensa il compagno Bruninho, che ha precisato “Quello che lui ha vinto non giustifica quello che puoi dire! E lui non è mai stato un fenomeno. Con tutto il rispetto!”.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, le partite del week end : match clou in zona salvezza

Ma cosa ha fatto avvelenare tanto i due da uscire con queste frasi contro un idolo della Panini Modena? Pare che tutto dipenda da un post che Andrea Lucchetta ha scritto prima della partita Modena-Latina, esprimendo un’opinione indiretta sull’incidente automobilistico che aveva visto protagonista il francese, che ha investito tre persone. Bruno invece, avrebbe avuto un battibecco a distanza in seguito ad una sua azione in palleggio, giudicata fallosa dall’arbitro Saltalippi. Decisione condivisa dal commentatore Andrea Lucchetta (che affianca Maurizio Colantoni nelle telecronache sulla Rai). Affianchiamoci anche la tensione per il big match.
Una coda velenosa un po’ sopra le righe. Ovviamente sulle giocate ognuno ha il diritto di pensarla come vuole, non si può tacere un dato di fatto: Andrea Lucchetta è stato un fenomeno, ha vinto un Mondiale, Rio1990, salvando la palla decisiva e in semifinale proprio un suo primo tempo sancì la vittoria dell’Italia e l’eliminazione del Brasile. Il papà di Bruno lo ricorda sicuramente.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, le partite del week end : match clou in zona salvezza

Sul web pochi si schierano a favore del duo Bruno-Ngapeth, anche se in molti avanzano che Lucchetta abbia esagerato nella provocazione, in un momento critico per il francese che, oltre a dover affrontare la questione dell’incidente, e i problemi di salute del figlio subentrati dopo un’operazione per una frattura al femore. Altri sottolineano come momenti del genere siano fisiologici in partite sentite come questa. Vedremo se la polemica si sgonfierà da sola o continuerà ad avere degli strascichi.

In tutto questo la società parla del big match sottolineando la prova del translapino.

  •   
  •  
  •  
  •