La Tomcar Sant’Anna sconfitta dal Garlasco, non basta un buon secondo set

Pubblicato il autore: Alessandro Gibellino Segui

Sconfitta netta e con poche attenuanti (tolta forse l’indisponibilità di Scuderi, bloccato dalla febbre in settimana) per il Sant’Anna contro Garlasco. I sanmauresi erano chiamati all’ultimo sforzo per chiudere in crescendo un campionato iniziato con qualche intoppo. Invece arriva una prova del tutto incolore, coi padroni di casa disordinati in ricezione e in difficoltà a contrattaccare pur toccando con una certa continuità a muro (ma punti diretti da questo fondamentale solo 3), in partita solo nel secondo set, ma complessivamente senza mai riuscire a mettere in crisi l’ordinato sistema di gioco dei lombardi.

In avvio Giraudo e Fumagalli controllavano che Garlasco non si destasse da un iniziale torpore che portava il Sant’Anna prima 4-2 e dopo 5-3. Appena dopo un’infrazione fischiata in palleggio a Pagano sulla quale la panchina biancorossa aveva da eccepire (anche se poi va detto che per il resto della gara il metro è stato omogeneo) è lo sparo che sveglia i pavesi e apre le ostilità. Dal 5-5 gli ospiti si portano 6-8 e 7-11 con F.Moro e Monni. Su servizio di Antonaci le distanze diventavano di 6 lunghezze (11-17) e per i padroni di casa recuperare lo svantaggio a una squadra con poche sbavature e che trova sistematicamente la soluzione più efficace diventava particolarmente complesso. Ciavarella firma il -5 (15-20), ma la corsa garlaschese riprende subito dopo per fermarsi sul 17-25 di Testagrossa. Nel secondo set l’ingresso di Bassani all’ala e Chiappino al centro cambiava le carte in tavola e toglieva riferimenti al gioco ospite, rendendolo meno fluido e lineare. Il Sant’Anna riusciva a costruire un discreto margine, senza però avere la forza di difenderlo fino in fondo per riaprire la partita. L’avvio è però faticoso e Garlasco riesce a portarsi 4-8 al primo timeout tecnico. Il turno in battuta di Fumagalli frena la fuga lombrada e riporta prima sotto i biancorossi (7-8) e successivamente al vantaggio (10-9) il Sant’Anna che riesce a capitalizzare al meglio il passaggio a vuoto degli avversari. Di nuovo Garlasco conferma di avere qualche affanno a gestire i servizi flottanti e tesi e scivola 16-12 su turno in battuta di Chiappino che portano a due infrazioni in palleggio di A.Moro. Rispondeva subito Antonaci che con due servizi consecutivi metteva in netta difficoltà la ricezione sanmaurese e ricuciva lo strappo sul 16-15. La lotta palla su palla proseguiva ancora per qualche scambio, poi l’ago della bilancia iniziava a spostarsi sul campo ospite sul 18-20 dopo due attacchi di Monni e Moro. Chiappino e un’alzata imprecisa di A.Moro rimettevano ancora tutto in pari a 20. Determinanti i servizi di Peschiulli e l’attacco di F.Moro per il break che porta Garlasco a +3 (20-23). Resistevano Fumagalli e Chiappino che spingevano ancora i padroni di casa a contatto (22-23). Signorelli (entrato in posto 2 per Testagrossa) chiudeva 22-25. Il terzo parziale prendeva subito la strada per Garlasco, già sul parziale d’avvio di 1-7 nel quale i padroni di casa incassavano un punto dietro l’altro senza trovare un rimedio efficace a contenere l’ondata. Il resto del set non riesce a spostare gli equilibri iniziali e si chiude su un esplicito 12-25. La pausa di campionato arriva puntuale per riordinare le idee e ripresentarsi ad Alba decisi a dimostrare che si è trattato solo di uno spiacevole infortunio al termine di una stagione comunque positiva.

Tomcar Sant’Anna – Garlasco 0-3 (17-25; 22-25; 12-25), il tabellino

Tomcar Sant’Anna: Vittone 1, Fumagalli 10, Vajra 1, Giraudo 2, Robazza 2, A.Ciavarella 2, Pagano (L); Mosso, Bassani 6, Chiappino 6, Tanga (L2), Mura, Scuderi 4. All. Caire
Garlasco: A.Moro 6, Testagrossa 7, Antonaci 13, Peschiulli 4, Monni 8, F.Moro 9, Procopio (L); Signorelli 6, Bertini n.e., Giuliani (L2) n.e., Cecchini 2, Catena n.e., Gogna n.e

  •   
  •  
  •  
  •