Superlega volley, la penultima giornata di ritorno in 5 punti

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Spettacolo a Modena

La penultima giornata di Superlega volley proponeva un incrocio d’eccezione: Azimut Modena contro Sir Safety Perugia. Con la classifica ormai praticamente decisa per entrambe(Perugia già sicura del primo posto in regular season e Modena praticamente certa della terza piazza) apparentemente le motivazioni potevano essere decisamente inferiori. E invece la partita è stata veramente spettacolare. I 5 set del PalaPanini possono essere ricordati come una degnissima fine di regular season. Nessuna delle due squadre ha mollato di un centimetro cercando la vittoria a tutti i costi. Modena è sembrata più motivata nel secondo e, soprattutto, nel terzo set; ma Perugia con un gran quarto set è riuscita a trascinare il match fino al tie-break. E in mezzo tantissimi colpi di classe provenienti soprattutto dai palleggiatori(De Cecco e Bruninho hanno sfoggiato il meglio del loro vastissimo repertorio), ma anche dai liberi con difese e ricezioni pazzesche. Insomma per gli appassionati di volley la gara è stata una vera goduria.

Civitanova vince al tie-break

Strappa una vittoria, ma solo al tie-break, la Lube Civitanova sul campo della LPR Piacenza. Gli uomini di Medei hanno infatti sofferto molto per aver ragione degli avversari che hanno vinto il primo e il terzo set e arrivando molto vicini nel quinto(terminato poi col minimo vantaggio di 13-15 in favore della Lube). Con Christenson inizialmente a riposo le percentuali offensive dei cucinieri sono state nettamente più basse(picco negativo il 43% del primo set), mentre nei due set in cui il palleggiatore statunitense è entrato sono salite(nel quarto e nel quinto parziale, infatti, Civitanova ha attaccato con il 56% e il 62%). Esaltante testa a testa, negli scontri individuali, è stato quello tra Sokolov e Fei che si è concluso con la finale vittoria dell’italiano capace di realizzare 22 punti contro i 21 del bulgaro.

Leggi anche:  Champions League pallavolo femminile, oggi inizia la bolla a Novara

Antipasto playoff

Impossibile che, con la classifica praticamente delineata, non si cominci già a pensare a ciò che accadrà al termine della regular season. I playoff sono vicinissimi e già le partite dell’ultimo turno sono state, in alcuni casi, un antipasto più che gustoso. In primis proprio Modena-Perugia. Come detto, né l’una né l’altra squadra potevano vantare ulteriori ambizioni di classifica, ma hanno dato lo stesso spettacolo. E, per intensità di gioco e per determinazione dei sestetti in campo, qualcuno avrebbe potuto pensare a una gara con ben altro in gioco. Modena e Perugia, per via delle loro posizioni in classifica potrebbero incontrarsi solamente in finale. Ma lo spirito non sarà certo diverso. Certo è che Modena dovrà fare i conti prima, in semifinale con un’altra squadra che potrebbe proprio uscire dalla sfida tra Civitanova e Piacenza. La partita della penultima giornata di Superlega volley potrebbe infatti ripetersi ai quarti di finale. E la gara di domenica ci ha dato un assaggio di cosa potrebbe aspettarci. Piacenza ha alzato il livello del gioco con il prosieguo delle giornate e, pur mantenendosi superiore Civitanova, ha fatto vedere come poter dar fastidio ai campioni d’Italia. Ma, appena tra due settimane, ne sapremo molto di più.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, si chiude la 13.a di andata con Conegliano-Chieri

Ravenna ai playoff

L’ultimo verdetto che ci si aspettava dal campo era quello sull’ottavo posto. Ed è arrivato senza aspettare l’ultimo turno. La Bunge Ravenna, vincendo contro la Gi Group Monza in casa si è portata a quota 41 punti rendendosi irraggiungibile da Padova. Non c’è stata storia con i ravennati che, maggiormente motivati hanno avuto la meglio in poco più di un’ora superando gli avversari in tutti i fondamentali. Bravi soprattutto Santiago Orduna a mantenere alte le percentuali di attacco della squadra(al 56%, con un picco del 62% nel primo set, contro il misero 34% di Monza), e Paul Buchegger a non dare tregua alla difesa avversaria(e anche alla ricezione con ben 3 ace). Ora la Bunge si giocherà il settimo posto con Piacenza, mentre Milano dovrà mantenere il sesto posto. In quinta piazza ci sarà quasi sicuramente Verona con Trento che si posiziona appena ai piedi del podio.

Leggi anche:  Champions League pallavolo femminile, Novara perfetta con Kazan, le russe dominate

Padova si consola contro Latina

Fuori dalla corsa all’ottavo posto, agognato per gran parte della stagione, la Kioene Padova si consola ritrovando la vittoria esterna che mancava dal turno sotto Natale, in casa di Modena. I patavini hanno infatti sconfitto al tie-break la Top Volley Latina. In una partita molto equilibrata è tornato in doppia cifra Nelli, da qualche tempo in difficoltà, mentre ha brillato ancora una volta Randazzo, capace di 24 punti conditi da un muro e un ace. Il grande obbiettivo purtroppo è sfumato per la giovane truppa di Baldovino che però sa di aver allestito una squadra che, quest’anno, ha fatto un percorso di crescita molto importante.

  •   
  •  
  •  
  •