L’Italvolley vola in Nations League: battuto il Brasile al tie-break

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Foto da Federazione Italiana Volley Facebook

Dopo la prima vittoria contro la Germania per 3-1, il secondo test per l’Italvolley di Gianlorenzo Blengini è contro il temibilissimo Brasile, vittorioso nella giornata di ieri contro i padroni di casa della Serbia. Ma, anche in questo caso gli azzurri si sono comportati benissimo andando a prendersi una vittoria frutto di grande abnegazione e spirito di sacrificio.

Italvolley, i sestetti in campo

L’unica novità, rispetto alla vittoriosa formazione di ieri, è l’ingresso in campo di Luigi Randazzo(reduce da una buonissima stagione a Padova) al posto di Oleg Antonov. Per il resto confermate le diagonali al centro con Anzani e Cester e quella palleggiatore opposto con la coppia Giannelli-Zaytsev e Colaci come libero. Per il Brasile c’è Evandro come opposto invece di Wallace(che entra solo a partita in corso) e Isaac al centro come novità rispetto al sestetto di ieri

Italvolley, la partita contro il Brasile

Agli azzurri è servito un set di assestamento per entrare in partita: nel primo parziale, infatti, le gambe e la testa di Giannelli e compagni è apparsa un po appesantita
Il secondo set è stato decisamente migliore con l’Italia subito pronta a cambiare il ritmo del match. Dopo una prima fase di studio, nella parte centrale sono gli azzurri a condurre le operazioni con un gioco deciso e che lascia poco spazio agli avversari. L’entrata di Wallace sembra far tornare i brasiliani in corsa, ma alla fine è Juantorena che chiude il parziale. Il terzo set è condotto sin dall’inizio bene dai nostri che creano problemi soprattutto in battuta con gli ace in serie prima di Zaytsev e poi di Nelli. Lo zar, con il suo turno in battuta, e i suoi 2 ace, dà il primo strappo importante al parziale. La sua riserva, Nelli(entrato però al posto di Anzani in battuta), realizza ben 3 punti diretti dai 9 metri spianando definitivamente la strada per il vantaggio. Il quarto set sembra poter continuare sulla medesima falsariga con l’Italia avanti per gran parte del set e abilissima a muro. Ma tra i verdeoro si alza dalla panchina Lipe che, con la sua esperienza trascina il Brasile avanti. Gli azzurri sciupano un buon vantaggio nel finale e così ai vantaggi prevalgono i brasiliani per 24-26. Ma al tie-break c’è decisamente poca storia con Giannelli che trascina i suoi verso la vittoria prima con un doppio ace e poi con altre giocate straordinarie. E il 15-8 del quinto parziale è legittimato da una grande reazione dell’Italia capace di non scomporsi anche in un momento psicologicamente complicato.

Leggi anche:  Sir Safety Perugia Volley torna in vetta, i Black Devils superano Modena

Italvolley, una grande prova di squadra

Altra vittoria, quindi, per l’Italia che conferma e migliora la prova di squadra offerta ieri contro i teutonici di Andrea Giani. Se possibile, ieri la nazionale ha offerto una prova ancora migliore dal punto di vista del gioco collettivo. Il cambio palla è stato spesso fluido e Giannelli ha trovato buone soluzioni in ognuno degli interpreti. Unico momento di difficoltà(oltre a un primo set dove bisognava ancora carburare) è stato il finale del quarto set dove il sovraccarico su Zaytsev è stato fiutato e neutralizzato dal muro verdeoro. Ma, cosa importante, nel quinto set il palleggiatore bolzanino si è ripreso variando moltissimo il gioco e introducendo nuovamente quei primi tempi che tanto bene avevano fatto(come ieri, buona l’intesa con Anzani, autore di 8 punti). Da sottolineare inoltre la qualità in alcuni dei fondamentali, decisiva ai fini della vittoria: le statistiche mostrano infatti come per muri e ace l’Italia abbia perfettamente doppiato il Brasile. Sono stati 12 i muri azzurri rispetto ai 6 verdeoro, e 14 le battute vincenti contro le 7 avversarie. A fare la parte del leone ancora una volta Zaytsev con 32 punti tra cui 4 muri e 2 ace e Giannelli con 3 muri e 3 ace.

  •   
  •  
  •  
  •