Mondiali Volley 2018: Davide Mazzanti dirama le convocazioni

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui
NANJING, CHINA - AUGUST 06: #5 Ofelia Malinov, #6 Moncia De Gennaro, #7 Raphaela Folie, #9 Caterina Bosetti and team mates of Italy celebrate a point during the final match between Brazil and Italy during 2017 Nanjing FIVB World Grand Prix Finals on August 6, 2017 in Nanjing, China. (Photo by Zhong Zhi/Getty Images)

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Sono ormai alle porte i Mondiali Volley 2018 e il CT della nazionale femminile Davide Mazzanti dirama le convocazioni per il collegiale che si inizierà il 9 luglio al Centro Onesti di Roma. La capitale ospiterà le azzurre fino al 20 luglio per il primo raduno di preparazione in vista dei mondiali nipponici che inizieranno nel mese di ottobre.

Nessuna novità nelle convocazioni in quanto le azzurre saranno le stesse che hanno disputato la Nations League, manifestazione che ha visto il cammino trionfante di Chirichella e compagne che hanno saputo battere nazionali come Cina e Brasile. Purtroppo però la qualificazione per la Final Six è sfumata per un soffio, ma ciò che di buono si è potuto vedere va tenuto stretto e deve essere la base dalla quale ripartire per affrontare il mondiale nelle condizioni psicologiche migliori. Un buon piazzamento in Giappone rappresenterebbe molto per giovanissime con Paola Egonu e Alessia Orro, che getterebbero le basi per poter iniziare un cammino ad altissimo livello che potrebbe portarle alla medaglia d’oro olimpica.

Leggi anche:  Sir Perugia, Oleh Plotnytskyi: "In Polonia giocheremo partite contro avversari di livello"

Raggiungere un risultato del genere non è una cosa semplice, serve costanza, determinazione, sangue freddo ed esperienza, cosa fondamentale per non abbattersi e non perdersi d’animo in condizioni che potrebbero sembrare disperate.

Mondiali Volley 2018: palleggiatrici e opposte convocate

I ruoli chiave per una buona squadra a livello d’attacco sono rappresentati dall’avere buone palleggiatrici e ottimi opposti in gradi di amalgamarsi con le prime. Il campionato italiano ha offerto quest’anno ben tre alzatrici che possono essere determinanti, parliamo di Ofelia Malinov, palleggiatrice titolare e pilastro nella passata stagione della Foppapedretti, atleta che è riuscita fortemente a limitare i danni di un’annata assolutamente da dimenticare per la Bergamo pallavolistica, dove nonostante tutto ha saputo far brillare la sua stella.

Per quanto riguarda Alessia Orro è subito il caso di dire che quest0anno ha dimostrato un grande grado di maturazione, in quanto è stata determinante per l’UYBA, tanto da rendere possibile l’accesso alle semifinali scudetto, risultato importante per le farfalle che l’hanno subito eletta a propria beniamina.

Leggi anche:  Bartoccini Fortinfissi Perugia, Imma Sirressi: "Arriveremo cariche e pronte alla prima di campionato"

Per quanto riguarda Carlotta Cambi si può dire che è stata la vera rivelazione del campionato, palleggiatrice brava tecnicamente e con un’ ottima visione di gioco, una vera e propria arma in più per le azzurre.

Per quanto riguarda gli apposti i posti sono occupati dalla bocca di fuoco azzurra Paola Egonu, e da Serena Ortolani, che ha disputato un ottimo campionato tra le fila del Monza.

Mondiali Volley 2018: schiacciatrici, centrali e liberi

I posti delle schiacciatrici sono occupati da Lucia Bosetti, Elena Pietrini, Anastasia Guerra, Miriam Sylla, Sylvia Nwakalor, tutte atlete che hanno saputo ben figurare in questa stagione e che si sono dimostrate in forma mondiale. Quello che chiedeva in pratica il coach verso la fine della serie A1.

Per le centrali le convocazioni prevedono la capitana Cristina Chirichella, Anna Danesi, Marina Lubian e Sarah Fahr.

Leggi anche:  Bartoccini Fortinfissi Perugia, Imma Sirressi: "Arriveremo cariche e pronte alla prima di campionato"

Per il ruolo di libero sono state selezionate la solita Monica De Gennaro, pilastro e beniamina delle pantere, e Beatrice Parrocchiale, nuova speranza azzurra in questo ruolo cardine.

  •   
  •  
  •  
  •