Volley Gloria Cup 2018, Paola Egonu sicura: “Ai mondiali per lasciare il segno”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui
NANJING, CHINA - AUGUST 06: #5 Ofelia Malinov, #6 Moncia De Gennaro, #7 Raphaela Folie, #9 Caterina Bosetti and team mates of Italy celebrate a point during the final match between Brazil and Italy during 2017 Nanjing FIVB World Grand Prix Finals on August 6, 2017 in Nanjing, China. (Photo by Zhong Zhi/Getty Images)

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Nonostante la sconfitta maturata contro la Russia nella Gloria Cup 2018, vuole assolutamente lasciare il segno a questi mondiali di volley l’opposto azzurro Paola Egonu che dichiara:

“Ai Mondiali mi aspetto di lasciare il segno, di divertirmi e di esprimere tutta la nostra identità di squadra“.

Queste le parole altamente combattive lasciate dalla giovanissima pallavolista alla testata giornalistica sportiva torinese Tuttosport quando ormai si è in dirittura d’arrivo per il mondiale dove Chirichella e compagne sono fortemente chiamate in causa per cancellare le ultime prestazioni non idilliache.

“Non ne sento il peso perché faccio parte di un gruppo coeso dove ognuno dà il suo contributo per il successo della squadra. Io faccio l’opposto e quindi mi spetta il compito di attaccare. Cerco di dare il massimo come fanno tutte le mie compagne“.

Per il coach Mazzanti l’Italia deve essere la sorpresa del campionato, in modo da lasciare impreparate le varie formazioni internazionali verso una squadra nuova e che non ha ancora scoperto le sue carte cambiando spessissimo formazioni durante le amichevoli estive.

Leggi anche:  Pallavolo - Il post della Pallavolo Padova dedicato a Pasinato

“Si lavora come sempre ma quello che ci chiede il coach è di sentirci sempre libere di sperimentare tutte le opzioni che ci vengono in mente. Le soluzioni che funzionano diventano poi schemi da adottare quando si va in campo per un match. La differenza sta nel modo in cui ognuna di noi si cala nel lavoro che stiamo svolgendo e quello che riesce a dare al gruppo. E questo gruppo sta dando il cento per cento. Certo, c’è ancora tanto lavoro da fare ma i segnali positivi sono già arrivati. Siamo reduci da un torneo in cui abbiamo messo in mostra belle cose anche se siamo ancora in una fase di carico. Questo vuol dire che non siamo ancora brillanti ma è sicuro che lo diventeremo“.

 

  •   
  •  
  •  
  •