Volley Mondiali 2018, gruppo B: Brasile e Francia favorite, Olanda e Canada outsider

Pubblicato il autore: Marco Roberti Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Proseguiamo il viaggio dentro i 4 gironi della prima fase dei Mondiali di volley e spostiamoci a Ruse, una delle 3 città bulgare deputate a ospitare la kermesse. Qui si giocheranno le proprie chance Brasile, Francia, Canada, Egitto, Olanda e Cina.

A partire con i favori del pronostico sono sicuramente Brasile e Francia, due nazionali che non hanno certo bisogno di presentazioni. I Verdeoro sono un’autentica corazzata, esperta, solida e quadrata. Renan Dal Zotto può pescare in tutti i reparti elementi di caratura mondiale, abituati a determinati tipi di palcoscenici. Bruno Rezende, reduce da un estate al centro dei riflettori per il suo passaggio di casacca da Modena a Civitanova, è al centro della squadra e quindi degli attacchi con le collaudate direttrici verso Wallace, Lucas, Eder e Lucarelli. Il Brasile è quindi un gruppo affiatato e desideroso di far rispettare i gradi di favorita. La Francia, invece, sull’onda lunga dell’entusiasmo prodotto dalla nazionale di calcio vuole stupire grazie a un roster pieno di talento. Toniutti, vero e proprio artista del suo ruolo, ha moltissime bocche da fuoco a disposizione e un attaccante formidabile per ogni situazione: Ervin Ngapeth. Ormai passato in Russia allo Zenit Kazan, Ngapeth deve dimostrare di essere un campione mondiale, all’altezza dei tetracampioni d’Europa. Ma i transalpini negli ultimi due anni hanno dimostrato di saper trovare soluzioni alternative all’ex Modena, in particolare in posto 2 con l’affidabile Boyer(nuovo colpo di Verona per la Superlega 18/19). Francia e Brasile si giocheranno con ogni probabilità il primato nel gruppo. Nel 2017 a Curitiba le due formazioni diedero spettacolo nella finale dell’allora World League con la vittoria per 3-2 per i blues. E il giorno da segnare con il cerchio rosso sul calendario è il 13 settembre.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, un altro capitolo dell'eterna sfida Conegliano-Novara

Da non sottovalutare è poi il Canada che è ormai stabilmente entrata nell’elite della pallavolo mondiale con una squadra che minimizza gli errori e riesce a essere paziente sugli scambi lunghi. La grande abilità dei nordamericani sta nel riuscire a sopperire alla mancanza di qualità nel gioco con una grande organizzazione difensiva che concede molte occasioni di attaccare. Ballottaggio aperto al palleggio tra Walsh e Tyler Sanders, ma entrambi si appoggeranno, per quanto possibile al centro, su Graham Vigrass non di rado top scorer dei canadesi. Ma attenzione al giovane talento in posto 2, quel Vernon Evans che si è fatto notare alla Nations League e che sogna di diventare protagonista al Mondiale.

Proverà ad agire da guastafeste l’Olanda che dovrà affidarsi soprattutto a Nimir Abdel Aziz, autentico tornado sbarcato nella passata stagione in Superlega e che ora vuole caricarsi sulle spalle gli Orange. Assieme a lui c’è un’altra conoscenza della Superlega: Martin Van Garderen che a Modena ha saputo ritagliarsi un proprio spazio. Decisamente più staccate appaiono invece Cina ed Egitto, destinate con ogni probabilità a recitare la parte di cenerentole del girone. Appare infatti difficile che asiatici e nordafricani possano riuscire a mettere in difficoltà le altre nazionali decisamente più compatte e meglio organizzate.

  •   
  •  
  •  
  •