Mondiali Pallavolo. Italia annienta Azerbaijan e inizia alla grande la seconda fase

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

NANJING, CHINA - AUGUST 06: #5 Ofelia Malinov, #6 Moncia De Gennaro, #7 Raphaela Folie, #9 Caterina Bosetti and team mates of Italy celebrate a point during the final match between Brazil and Italy during 2017 Nanjing FIVB World Grand Prix Finals on August 6, 2017 in Nanjing, China. (Photo by Zhong Zhi/Getty Images)

Mondiali Pallavolo Femminili. La seconda fase si apre per l’Italia con una netta vittoria sull’Azerbaijan.

Nel primo set al quinto di gioco siamo già 8 a 3 con il trio Sylla, Egonu e Capitan Chirichella a farla da  padrone.Il capitano  mura ogni tipo di attacco avversario. Battiamo talmente bene che all’11 min. arriviamo a + 10 di vantaggio; la Egonu non sbaglia quasi mai. Al 20 di gioco ci troviamo con ben 13 setpoint e la Bosetti, con una schiacciata a terra, porta il primo parziale alle italiane in appena 21 min.di gioco. Dopo i tre minuti di riposo regolamentari iniziamo il secondo set, nel quale ci sarà equilibrio fino al 10mo  di gioco. Successivamente a una lotta punto a punto l’ Italia, grazie anche alle murate perfette di Myriam Sylla e della Danesi, si procurera’un piccolo margine di sicurezza e nonostante le nuove entrate Alishanova e la talentuosa Rahimova,   L’Italia chiude il set in 23 min.sul 25 a 19.

Leggi anche:  VNL maschile: la Polonia raggiunge il Brasile alla Final Four

Nel terzo set non c’è storia: in 8min di gioco ci troviamo 10 e 0. Qui si evidenziano tutte le differenze tecniche in maniera netta.Dopo qualche piccolo errore della Egonu, Capitan Chirichella affonda le avversarie e al 20 di gioco abbiamo ben 14 match point e lo chiudiamo al primo tentativo.
Il match termina in appena 65 min. L’Italia e’ super concreta ed unita sia in campo che fuori. Chi entra é in grado di garantire l’alto tasso tecnico delle titolari.Dobbiamo crederci e non abbassare mai la guardia, perché queste giocatrici, guidate dall’ottimo Mazzanti, meritano una medaglia di spessore.
Sei vittorie su sei la dicono tutta sullo stato di forma delle italiane, che fin ad ora, hanno perso un solo set con le pluricampionesse cinesi. Adesso si attende la prossima sfida contro la Thailandia per volare alla terza e decisiva fase che dirà chi siamo: possibili campionesse o mere comparse.Forza azzurre sognamo con voi!
Fabio Faiola

  •   
  •  
  •  
  •