Mondiali Pallavolo femminili: Italia domina Azerbaijan, 6 su 6. Ofelia Malinov: “C’è soddisfazione“

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Italia Volley – Foto Federazione Nazionale Pallavolo Facebook

A Osaka, in Giappone, nel Mondiale Volley femminile l’Italia è inarrestabile e piega le vane resistenze dell’ Azerbaijan, regalando la sesta vittoria consecutiva ai propri tifosi e mostrando un gioco spumeggiante in tutti i reparti che non può che far ben sperare per il futuro.

Le atlete titolari sembrano infatti aver raggiunto il top della forma fisica, e la Malinov è come sempre padrona del gioco, riuscendo a far girare velocemente le compagne e a scardinare le difese avversarie. 3 a 0 il risultato finale con i parziali di 25-12; 25-19; 25-11, a dimostrazione di un tutto abbastanza facile per le ragazze di Mazzanti che saranno domani chiamate in causa contro la Tailandia, avversaria assolutamente da non sottovalutare per il bene che ha fatto vedere fino a ora.

Soddisfatta per la prestazione sua e della squadra Ofelia Malinov, che spiega come si stato importante per il morale superare la formazione dell’ Azerbaijan, con un occhio sempre attento alla Tailandia, squadra di cui non si fida assolutamente viste le buone prove che la nazionale asiatica ha offerto contro Russia e Stati Uniti, due delle pretendenti al titolo:

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano - Consar Ravenna per il quinto turno dei Play Off 5° Posto.

“C’è soddisfazione per aver portato a casa anche oggi il risultato, giocando a tratti bene anche se con queste avversarie non è facile. La squadra non è mai calata a livello di concentrazione ed è stata brava a chiudere subito i conti. Domani contro la Thailandia ci sarà da soffrire, non è un caso se sia Russia che Stati Uniti sono andati in difficoltà contro di loro. Nel gruppo c’è tanta determinazione, ogni giorno entriamo in campo per mostrare il nostro gioco e dimostrare che siamo superiori. Pensiamo di più a noi stessi che alle avversarie e questo ci fa giocare bene e allo stesso tempo divertire”.

Mondiale volley femminile: le parole del coach Mazzanti

Non è stato facile mantenere al concentrazione, spiega il coach azzurro Davide Mazzanti nonostante la netta vittoria per 3 a 0, perché poteva esserci una sorta di rilassatezza dopo le importanti vittorie contro Cina e Turchia:

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, un altro capitolo dell'eterna sfida Conegliano-Novara

“Non è stato facile oggi mantenere alta l’attenzione per tutta la durata del match, perché dopo le partite con Turchia e Cina avevamo trovato un ritmo importante e quindi era fondamentale non perdere spinta nel nostro gioco. Siamo felici sia della vittoria che dei tre punti conquistati, dobbiamo continuare così se vogliamo qualificarci alla terza fase. Il pericolo più grande in queste arriva quando inizi a giocare a un ritmo non tuo e di conseguenza lasci uno spiraglio agli avversari. Domani contro la Thailandia dovremo essere bravi a trovare la giusta chiave tattica, sarà importante per metterle in difficoltà così come bisognerà continuare a dare gas al nostro cambio palla che ci permette di avere stabilità”.

Mondiali volley femminile: buona prova di Anna Danesi

Buonissima la prova della centrale Anna Danesi, che assieme a Cristina Chirichella ha sostenuto l’urto dell’attacco avversario risultando tra le migliori in campo. La centrale azzurra spiega come con la vittoria di oggi sono arrivati tre punti importantissimi per il proseguo del mondiale:

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano - Consar Ravenna per il quinto turno dei Play Off 5° Posto.

“Siamo molto contente anche se l’Azerbiaijan oggi sicuramente non si è espresso al proprio meglio. Siamo state brave a non abbassare mai il nostro ritmo e così non abbiamo concesso alle nostre avversarie possibilità di recupero. Con la vittoria di oggi sono arrivati altri tre punti importanti in chiave qualificazione, ma dobbiamo continuare a pensare giorno per giorno a partire da domani, sappiamo che contro la Thailandia non sarà una partita facile. Sono una squadra che utilizza un’infinità di schemi e noi non dovremo commettere l’errore di farci innervosire dalle loro difese”.

 

  •   
  •  
  •  
  •