Volley Serie B femminile: la Kondor Catania pronta per la nuova stagione

Pubblicato il autore: Sifi Kondor Catania Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

La Sifi Kondor Catania si appresta ad affrontare la nuova stagione nel campionato di Serie B femminile e nel settore giovanile.

Tra i nuovi acquisti della Sifi Kondor, Jola Bakaj e Cristina Murru.  In forze al Castellana Grotte nella stagione passata, la Dakaj, classe ’92 per 167 centimetri di altezza, ha incontrato direttamente sul campo quella che da oggi è ufficialmente la sua squadra: “Già da avversaria avevo avuto un’ottima impressione – non esita a dire, aggiungendo – La Società ha voglia di costruire qualcosa di buono e a me piace sposare i progetti, per questo la mia decisione di venire a Catania”.

La Dakaj, origini albanesi, in Italia dal 2000, da nove anni gira l’Italia per inseguire la sua passione per la pallavolo, vive in provincia di Napoli tanto che, in pieno stile partenopeo, non esita a definirsi  “cazzimmosa al 100%”. Cosa vuol dire? Lo spiega lei stessa: “Non ce la faccio a giocare solo per giocare, mi ritengo agguerrita. Credo che la grinta sia la prima cosa da mettere in campo, quando svanisce è inutile continuare a giocare. Ecco quello che metterò in campo”.

Cresciuta a pane e pallavolo, sport che dice “ha cominciato ad amare già dall’età di tre anni”, Cristina Murru, 17 anni a settembre, è cresciuta nella Delta Volley Lanusei e ha continuato nell’Aneto Ogliastra Volley, adesso in attesa di arrivare a Catania, riempiendo le sue giornate con partite di beach sulle spiagge sarde, dice: “La Kondor la seguo su Facebook e Instagram già da settimane e mi sono piaciuti i sorrisi delle mie compagne, sono tutti speciali. E’ una squadra molto giovane e sono certa che in campo metteremo tutta la grinta di cui siamo capaci. Tutti mi hanno parlato bene di questa Società, ci sono dei bei progetti e io giocherò sia in serie b che con la under 18”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Allianz Powervolley: Milano - Ravenna 3 -0. Quinto successo consecutivo per i meneghini